WSBK, Rea si aggiudica Gara 1 a Losail

sbklosail9.jpg
Jonathan Rea domina la prima giornata di gara a Losail senza lasciare agli avversari nemmeno le briciole. Dopo aver preso le misure al circuito nella giornata di ieri il nordirlandese è risultato imprendibile oggi, e dopo aver dominato FP3 e Superpole si è aggiudicato con autorità Gara 1 precedendo un ottimo Chaz Davies e Alex Lowes che guadagna qualche punticino prezioso per la rincorsa al terzo posto in campionato. Solo quarto Alvaro Bautista protagonista di una gara senza spunti particolari.
REA DOMINA FP3 E SUPERPOLE
Dopo la bella riscossa Ducati nel secondo turno cronometrato di ieri, le FP3 vedevano tornare in vetta Johntan Rea autore del miglior tempo in 1.57.961 seguito di due pacchetti di mischia Yamaha e Ducati. Alle spalle del campione del mondo si piazzavano infatti le R1 di Lowes, Baz e Van Der Mark e le quattro Panigale V4R di Bautista, Laverty, Davies e Rinaldi- Per la prima volta in stagione tutte le Ducati finivano vicine nella graduatoria dei tempi, segnale forse questo di una buona messa a punto di base almeno qui a Losail.
Il campione del mondo si confermava in qualifica centrando la Superpole col tempo di 1.56.246 davanti alle Yamaha di Alex Lowes e di Sandro Cortese. Ad aprire la seconda fila col quarto tempo Tom Sykes con la prima delle Bmw davanti ad un’altra Yamaha, quella di Loris Baz ed alla Kawasaki di Haslam. Solo settimo tempo e terza fila per Alvaro Bautista, staccato di un secondo da Rea ed affiancato da Van Der Mark e Reiterberger. Sotto le aspettative due attesi protagonisti come Razgatioglu e Davies, rispettivamente decimo e dodicesimo costretti ad una difficile partenza dalla quarta linea dello schieramento.
LA CRONACA DELLA GARA
Allo spegnersi del semaforo Rea scattava primo dalla pole position seguito da Sykes con la Bmw che veniva subito passato dalle Yamaha di Lowes e Cortese. Dalle retrovie rinvenivano subito Chaz Davies e Toprak Razgatiogu, entrambi autori di un’ottima partenza dalla quarta fila e subito agganciati al gruppetto di testa. All’inizio del secondo giro un contatto tra Sykes e Haslam permetteva a Davies di risalire quarto davanti a Cortese che incappava in una caduta al sesto giro lasciando via ibera a Van Der Mark e Razgatioglu. In testa alla corsa le posizioni erano stabilizzate con Rea al comando su Lowes e Davies.
A sei giri dalla fine Razgatioglu, in quel momento sesto, era vittima di un fuori pista e retrocedeva quindicesimo mentre al giro successivo Davies aveva ragione di Lowes portandosi al secondo posto. Nonostante il forcing finale del gallese della Ducati Rea andava a vincere precedendo di poco meno di tre secondi lo stesso Davies con Lowes terzo a completare il podio. Quarta posizione per Alvaro Bautista davanti a Haslam ed alle Yamaha di Van Der Mark e Baz. Reiterberger, Laverty e Camier chiudevano la top ten mentre Razgatioglu era undicesimo davanti a Rinaldi e Melandri
Alfonso Paduano