WSBK, Rea chiude in testa le prime sessioni di libere a Laguna Seca

WSBK-Rea-Laguna-Seca-2018.jpg
Jonathan Rea impone la sua legge anche a Laguna Seca dominando entrambe le sessioni di prove libere fin qui disputate. Sulla carta l’impegnativo tracciato statunitense premia una moto più facile e meno faticosa da guidare e questo faceva pensare ad una Kawasaki favorita, ma in realtà come spesso accade la differenza l’ha fatta il campione del mondo in carica.
DOPO REA, GRANDE EQUILIBRIO
Il nordirlandese ha iniziato forte fin dal mattino, quando contrariamente al suo solito è entrato subito in pista con ottimo passo tanto da siglare il miglior tempo dopo appena cinque passaggi. Il suo riferimento è stato il migliore per tutta la FP1 ed anzi Johnny riusciva ad abbassarlo leggermente nel finale. Alle spalle di Rea si piazzava Melandri, staccato di meno di un decimo. Alle spalle del ravennate finivano Laverty, Sykes, Lowes e Davies.con Van Der Mark, Camier, Torres e la wild card Josh Herrin a chiudere la top ten. Nella FP2 del pomeriggio Rea ripeteva il suo copione, siglando subito il miglior tempo ed abbassando il suo riferimento fino a 1.23.104. Stavolta il gap aperto dal campione del mondo era ben maggiore e secondo si piazzava Tom Sykes che rendeva quattro decimi al compagno di marca. terzo tempo, ma secondo nella classifica combinata grazie al tempo del mattino per Marco Melandri, che qui sembra candidato ad una gara da protagonista. Quarto crono complessivo per Alex Lowes, fresco vincitore a Brno, che precede Laverty e Torres. Settimo posto nella combinata delle due sessioni per Chaz Davies che anche qui pare ancora alla ricerca del giusto feeling con moto e tracciato.ed accusa un distacco di sette decimi da Johnny Rea. Fores, Savadori e Van Der Mark chiudono la top ten e sarebbero al momento questi i piloti ammessi direttamente alla SP2.
Alfonso Paduano