Nasce la nuova partnership tra Akrapovič e Ducati Performance

111144.jpg

È con grandissima emozione che Akrapovič annuncia la nuova partnership con Ducati Performance. Il celebre marchio tricolore avrà, infatti, scarichi esclusivi progettati e fabbricati dalla casa slovena. Il rapporto con la divisione commerciale della Ducati nasce direttamente dall’associazione sempre più stretta tra il reparto corse della casa italiana e Akrapovič che, in questa stagione del MotoGP™ ad alto numero di ottani, ha portato le moto rosse icona del marchio “Corse” a montare scarichi Akrapovič. Il primo prodotto a uscire sarà lo stupendo scarico in titanio linea Evolution. Lo monterà la Ducati 2015 Panigale. Un sistema leggero, creato esclusivamente grazie alle indicazioni di Ducati Performance, che sarà disponibile a partire da febbraio 2015 con il suo software di mappatura. Ammiraglia degli scarichi Akrapovič, la linea Evolution consente di avere grandi risparmi in termini di peso rispetto al sistema di scarico originale (pesa solo 6,5 kg)0. 2222Inoltre, offre maggiori valori di coppia e potenza. Immancabile compagno: il rombo firmato Akrapovič. Questa nuovissima versione del sistema della linea Evolution, ideata solo per la pista, discende direttamente dal sistema vincitore del prestigioso Red Dot, realizzato da Akrapovič per la Ducati 1199 Panigale 2014. Progettato, sviluppato, collaudato e fabbricato esclusivamente negli avanzatissimi stabilimenti sloveni, questo raffinato scarico è frutto di metodi ad alta tecnologia: dalle fusioni dei moltissimi componenti, realizzate nella fonderia interna, fino all’opera degli ingegneri acustici, che lavorano al miglior suono da coniugare con una lavorazione di altissima qualità. Grazie alla fortissima attenzione per i particolari, il nuovo arrivato della gamma Ducati Performance è uno dei più bei prodotti di ingegneria meccanica in commercio per qualsiasi moto. Ad arricchire la gamma troviamo le marmitte in titanio linea Slip-On che contribuiscono al risparmio di peso rispetto alle originali, incrementando la potenza e la coppia erogate. Queste possono essere ancora migliori con l’aggiunta di terminali opzionali, che permettono agli utilizzatori di potenziare il sistema secondo i loro desideri. I nuovi scarichi Akrapovič per la Ducati Panigale sono i primi accessori originali forniti al costruttore italiano. A suggellare l’esclusivo legame fra Akrapovič e Ducati Performance sarà, infatti, un logo comune sulla marmitta. Non è certo la prima volta che le due case collaborano. Infatti, si sono già associate con successo per la Ducati Superleggera, l’incredibile moto ispirata ai Gran Premi, i cui scarichi originali sono stati forniti da Akrapovič. 

Uroš Rosa, AD di Akrapovič:

Siamo felici di annunciare la nuova partnership. Si tratta per noi di una tappa importantissima. Una dimostrazione di come, con l’intenso lavoro svolto sul progetto MotoGP e sulla Superleggera insieme alla Ducati, abbiamo conquistato la fiducia della casa italiana per sviluppare l’esclusivo scarico della Panigale. Il fascino Ducati deriva in larga parte dal suo patrimonio in fatto di corse ed è con grande piacere che, di questa storia, ora fa parte anche Akrapovič. Con questo scarico che abbiamo sviluppato per la Ducati Performance, ci sentiamo veramente parte della famiglia Ducati. Un nuovo sistema per la Panigale 2015, ma che condivide lo stesso DNA del nostro scarico vincitore del Red Dot. La nostra speranza è che questo segni l’inizio di un solido e proficuo rapporto. Siamo in entusiasta attesa di future collaborazioni con la Ducati a tanti altri progetti.”

Diego Sgorbati, direttore divisione prodotti motociclistici della Ducati Motor Holding:

È un grande piacere dare ad Akrapovič il benvenuto nella famiglia dei partner di Ducati Performance. Il rapporto fra le nostre case nasce sulle piste del MotoGP, la miglior vetrina per la passione e la tecnologia delle moto. Ora, i clienti Ducati Performance possono godersi in esclusiva i frutti dello straordinario lavoro su tecnologia, innovazione, performance e design degli scarichi di quel capolavoro ingegneristico e artigiano che è la nuova Panigale.”