MotoGP-GP Sachsenring: stratosferico Marquez che vince davanti a un grande Folger. Male le Ducati

323.jpg

Come da pronostico, in Germania Marquez non si batte, e lo spagnolo ha infilato l’ottava vittoria consecutiva al Sachsenring. precedendo un grandissimo Johnas Folger con la Yamaha del team Tech3 ed il compagno di squadra Dani Pedrosa apparso poco incisivo su una pista che lo ha spesso visto fare bene. Le due Yamaha ufficiali limitano i danni, con Vinales quarto e Rossi quinto, arrivati in volata. Una prestazione certamente non esaltante e che lascia intatte le perplessità sulla moto 2017. Ma viste le premesse della vigilia, , con il rischio di pioggia e le prestazioni disastrose messe in mostra sul bagnato .a Iwata possono tirare un sospiro di sollievo. Molto negativo invece il bilancio delle Ducati, attese ad una conferma dei valori mostrati nelle ultime gare. La prima rossa al traguardo è infatti quella satellite di Alvaro Bautista, autore di un’ottima gara in scia alle due Yamaha ufficiali. Dovizioso, già ieri in difficoltà con le gomme in qualifica, ha chiuso ottavo, preceduto anche dall’Aprilia del bravo Aleix Espargaro. Lorenzo, partito con le gomme morbide ha finto undicesimo precedendo la terza GP17 in pista, quella di Danilo Petrucci. Tutti e tre i piloti sono andati in crisi con gli pneumatici, confermando una situazione che rischia di condizionare pesantemente l’andamento del campionato. .

FUGA A TRE

Al via erano le due Honda di Marquez e Pedrosa a scattare al comando, seguite da Jorge Lorenzo autore di un ottimo spunto dalla seconda fila. Lo spagnolo si metteva alle spalle Petrucci ed il sorprendente Folger. Lorenzo però, che aveva tentato l’azzardo delle gomme morbide, veniva presto superato da Folger che in pochissime battute ricuciva lo strappo con le Honda di testa mettendosi alle spalle di Pedrosa. Dietro Petrucci aveva a sua volta ragione di Lorenzo, che perdeva progressivamente contatto. Valentino Rossi, partito nono, era autore di un buon avvio e risaliva alle spalle di Lorenzo, Seguito da Vinales anche lui in rimonta. Nel frattempo davanti Folger superava in poche battute prima Pedrosa poi Marquez, portandosi al comando nella gara di casa Il terzetto di testa si staccava ben presto dal resto del gruppo e anche Pedrosa non riusciva a tenere il passo dei due di testa, accontentandosi della terza posizione. Petrucci e Lorenzo perdevano progressivamente terreno, e venivano raggiunti e superati dal terzetto composto da Rossi, Dovizioso e Vinales. . Dopo una schermaglia durata qualche giro, anche Dovizioso perdeva contatto mentre Vinales aveva ragione di Rossi e si portava al quarto posto. Davanti intanto Folger restava a contatto di Marquez nonostante un paio di errori alla staccata della curva 1. Lo spagnolo però appariva in pieno controllo ed a tre giri dalla fine aumentava il ritmo fiaccando la resistenza del tedesco , autore comunque di una prestazione formidabile che gli fruttava il primo podio in Motogp. . Pedrosa chiudeva terzo, staccato di ben 11 secondi, seguito da Vinales e Rossi separati tra loro di pochi decimi. Sesto finiva un bravo Alvaro Bautista con la Ducati GP16 che precedeva Aleix Espargaro , Dovizioso, Zarco e Crutchlow. Fuori dai primi dieci finivano Lorenzo e Petrucci. Ennesima gara da dimenticare per Andrea Iannone, caduto mentre si trovava alle spalle di Jorge Lorenzo. Una stagione disastrosa quella dell’ abruzzese e rapporto con la squadra che appare sempre più compromesso.

QUATTRO PILOTI IN DIECI PUNTI

Dopo la gara tedesca, nona del campionato, si arriva alla pausa estiva con una classifica generale corta come non mai, con ben quattro piloti racchiusi in dieci punti. In testa ora c’è Marquez, con cinque punti di vantaggio su Vinales, sei su Dovizioso e dieci su Rossi. , E’ sicuramente un campionato incerto ed imprevedibile, ma c’è da chiedersi se l’equilibrio sia reale o non piuttosto causato dalla imprevedibilità di rendimento degli neumatici. In Moto 3, nuova vittoria del capoclassifica Mir che ha ragione in volata di un ottimo Romano Fenati, con Bulega buon quarto e finalmente tornato nelle posi<ioni di vertice. Un vero peccato la caduta di Tony Arbolino, il sedicenne debuttante del team di Paolo Simoncelli, in quel momento in quinta posizione ed attaccato al gruppetto dei primi. In Moto2, ancora una vittoria per Franco Morbidelli, e sono sei su nove gare. Con il contemporaneo zero per caduta dei due rivali diretti, Luthi ed Alex Marquez, Morbidelli è ormai in fuga per il titolo, con 37 punti di vantaggio. in classifica generale.

MotoGP – GP Sachsenring – Ordine di arrivo e tempi

1 93                    Marc Marquez                                     Honda Repsol Honda Team                                    40:59.525
2 94                    Jonas Folger                                       Yamaha Monster Yamaha Tech 3                                +3.310
3 26                    Dani Pedrosa                                      Honda Repsol Honda Team                                       +11.546
4 25                    Maverick Vinales                                 Yamaha Movistar Yamaha Motogp                            +14.253
5 46                    Valentino Rossi                                   Yamaha Movistar Yamaha Motogp                            +14.980
6 19                    Alvaro Bautista                                    Ducati Pull&bear Aspar Team                                    +16.534
7 41                    Aleix Espargaro                                   Aprilia Aprilia Racing Team Gresini                           +19.736
8 4                      Andrea Dovizioso                                Ducati Ducati Team                                                    +20.188
9 5                      Johann Zarco                                      Yamaha Monster Yamaha Tech 3                              +21.138
10 35                  Cal Crutchlow                                      Honda Lcr Honda                                                      +24.210
11 99                  Jorge Lorenzo                                      Ducati Ducati Team                                                   +25.659
12 9                    Danilo Petrucci                                    Ducati Octo Pramac Racing                                      +31.540
13 44                  Pol Espargaro                                      Ktm Red Bull Ktm Factory Racing                            +32.179
14 38                  Bradley Smith                                      Ktm Red Bull Ktm Factory Racing                             +36.453
15 43                  Jack Miller                                           Honda Eg 0,0 Marc Vds                                             +37.771
16 36                  Mika Kallio                                           Ktm Red Bull Ktm Factory Racing                             +37.852
17 17                  Karel Abraham                                    Ducati Pull&bear Aspar Team                                    +39.323
18 53                  Tito Rabat                                            Honda Eg 0,0 Marc Vds                                            +41.190
19 76                  Loris Baz                                             Ducati Reale Avintia Racing                                      +59.850
20 45                  Scott Redding                                     Ducati Octo Pramac Racing                                   +1:01.664
21 42                  Alex Rins                                             Suzuki Team Suzuki Ecstar                                    +1:01.695

Alfonso Paduano