MotoGP – GP Catalogna: vittoria di carattere di Andrea Dovizioso, davanti alle Honda ufficiali di Marquez e Pedrosa

3343-1.png

Un grande Andrea Dovizioso vince il Gran Premio di Catalogna sul circuito del Montmeló replicando, ad una settimana di distanza, il trionfo del Mugello. Una giornata che sembrava destinata a chiudersi con il triplete dei piloti spagnoli, che si erano aggiudicati Moto3 e Moto2, ha invece incoronato il forlivese che è stato autore di una corsa perfetta. E’ stata, come si prevedeva, una gara tattica, in cui è stato importante amministrare energie ma soprattutto le gomme che rappresentavano un grosso punto di domanda per tutti, visti il gran caldo e lo scarso grip offerto dall’asfalto. Dopo le prove appariva chiaro che la lotta per la vittoria sarebbe stata ristretta a Honda e Ducati, con le Yamaha ufficiali di Rossi e Vinales che avrebbero dovuto cercare di limitare i danni. Al via scattava a fionda il solito Pedrosa mentre Petrucci, partito dalla terza casella, non riusciva a gestire al meglio lo scatto, deviava involontariamente sulla sinistra andando a colpire Marquez e perdendo posizioni. Ben presto era Lorenzo a portarsi al comando cercando di involarsi, e probabilmente il gran ritmo imposto a serbatoio pieno ha pesato sul consumo delle sue gomme. Il primo calo, previsto dopo cinque giri, è risultato anticipato per lo spagnolo che ha rapidamente perso posizioni mentre Dovizioso, più cauto all’avvio, si attaccava alle Honda di Pedrosa e Marquez. Ottimo l’avvio di Folger con la Yamaha del team Tech 3, che teneva senza grossi problemi il ritmo dei primi. Una gara subito in salita invece quella delle Yamaha ufficiali di Rossi e Vinales, con quest’ultimo ben presto precipitato nelle ultime posizioni. Rossi cercava di risalire dal tredicesimo posto dello schieramento ma dopo qualche giro promettente che lo portava fino alla nona posizione, al primo decadimento degli neumatici vedeva peggiorare i suoi tempi di un secondo al giro, perdendo rapidamente contatto dal gruppo di testa. La lotta per la vittoria era ben presto ristretta alla coppia delle Honda ed alla Ducati di Dovizioso, che dava l’idea di gestire con una certa sicurezza. Ed infatti, a sei giri dalla fine il forlivese sferrava l’attacco portandosi al comando, con il solo Marquez che tentava una reazione e Pedrosa a perdere inesorabilmente terreno. Marquez riusciva per un paio di giri a mantenersi a meno di un secondo poi era costretto a mollare, e Dovizioso andava a vincere in sicurezza permettendosi addirittura di salutare il pubblico a poche curve dal termine. Alle sue spalle chiudevano Marquez e Pedrosa. Buona gara di Jorge Lorenzo, che dopo il primo calo di gomme riusciva e mantenere un ritmo costante che gli permetteva di risalire fino al quarto posto. Un vero peccato la caduta di Danilo Petrucci, a pochi giri dal termine quando aveva ormai agguantato la quarta posizione. Dietro a Lorenzo chiudevano le Yamaha Tech 3 di Zarco e Folger e la Ducati satellite di Bautista. che precedeva Valentino Rossi. L’ottavo posto di quest’ultimo e il decimo del leader del mondiale Vinales sono il magro bottino delle Yamaha ufficiali, con lo spagnolo che si ritrova ora Dovizioso a 7 punti in classifica generale e Rossi ora in quinta posizione, ancora a zero vittorie. la M1 2017 dimostra di soffrire particolarmente il poco grip e le alte temperature, e certo questo è un bel campanello d’allarme per le prossime gare. Per Ducati, invece, sembra cambiato lo scenario, con una competitività costante, anche su piste da sempre considerate difficili, come Jerez e questa di Barcellona. Che sia l’anno buono per ripetere quella vittoria nel mondiale che manca da dieci anni ?

Nella Moto3, vittoria del capofila del mondiale Mir, implacabile a portarsi al comando nel corso dell’ultimo giro e chiudere davanti ad un ottimo Romano Fenati. Buona prova complessiva dei nostri, con Bastianini quarto e Migno, Di Giannantonio, Antonelli e Bulega a completare le prime dieci posizioni. In Moto2 corsa solitaria di Alex Marquez, apparso inavvicinabile ffin dalle prove. Lo spagnolo si involava a via imprimendo un ritmo insostenibile per tutti. Un grande Mattia Pasini porta a casa un magnifico secondo posto dopo l’entusiasmante vittoria del Mugello di una settimana fa, davvero una piacevole conferma la sua. .Gara incolore quella di Franco Morbidelli,che dopo essere andato vicinissimo a cadere nelle prime fasi ha limitato i rischi chiudendo sesto. Lo svizzero Luthi, diretto avversario in campionato, con il terzo posto di oggi si porta a soli sette punti di distacco. Buona prova di Lorenzo Baldassarri, quinto al traguardo.

MotoGP 2017 – GP Catalogna (Montmeló) – Ordine di arrivo e tempi

 

Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap
1 4 Andrea Dovizioso Ducati Ducati Team 44:41.518
2 93 Marc Marquez Honda Repsol Honda Team +3.544
3 26 Dani Pedrosa Honda Repsol Honda Team +6.774
4 99 Jorge Lorenzo Ducati Ducati Team +9.608
5 5 Johann Zarco Yamaha Monster Yamaha Tech 3 +13.838
6 94 Jonas Folger Yamaha Monster Yamaha Tech 3 +13.921
7 19 Alvaro Bautista Ducati Pull&bear Aspar Team +16.763
8 46 Valentino Rossi Yamaha Movistar Yamaha Motogp +20.821
9 8 Hector Barbera Ducati Reale Avintia Racing +23.952
10 25 Maverick Vinales Yamaha Movistar Yamaha Motogp +24.189
11 35 Cal Crutchlow Honda Lcr Honda +28.329
12 76 Loriz Baz Ducati Reale Avintia Racing +33.281
13 45 Scott Redding Ducati Octo Pramac Racing +35.200
14 17 Karel Abraham Ducati Pull&bear Aspar Team +39.436
15 53 Tito Rabat Honda Eg 0,0 Marc Vds +40.872
16 29 Andrea Iannone Suzuki Team Suzuki Ecstar +43.221
17 50 Sylvain Guintoli Suzuki Team Suzuki Ecstar +44.655
18 44 Pol Espargaro Ktm Red Bull Ktm Factory Racing +48.993
19 22 Sam Lowes Aprilia Aprilia Racing Team Gresini +55.492

Alfonso Paduano