MotoGP, Dovizioso in pole a Motegi

Amndrea-Dovizioso-Motegi-2018.jpg
Parte bene il fine settimana di Andrea Dovizioso in Giappone. Dopo le buone impressioni di ieri il forlivese ha centrato la pole position e visto che la qualifica non è proprio il suo pane c’è da essere ottimisti per la gara. Che il tracciato sia molto congeniale alla Ducati è confermato dal terzo tempo di Jack Miller, che fino a pochi secondi dalla fine era addirittura in pole. Tra i due ducatisti si è inserito il francese Johann Zarco, che pare tornato ad essere il pilota che meglio sfrutta il potenziale della Yamaha M1
DOVIZIOSO FAVORITO, MARQUEZ GRAN PASSO
Il meteo è stato clemente come previsto consentendo un turno delle FP3 asciutto. La sessione decisiva per l’accesso diretto alla Q2 confermava i valori emersi ieri, con Dovizioso a precedere Crutchlow, Zarco e Marquez. La Honda si confermava competitiva piazzando tutte e tre le RCV ufficiali nella top ten. Stessa cosa riusciva alla Yamaha anche se Rossi restava nelle retrovie per tutta la sessione ed acciuffava il quinto tempo solo negli ultimi secondi. La FP4 effettuata in assetto gara metteva in mostra il gran passo delle Honda con Marquez e Crutchlow davanti a tutti. Lo stesso Marquez incappava però in una scivolata nei minuti finali ed era costretto ad affrontare le qualifiche con una sola moto a disposizione.
DUE ROSSE IN PRIMA FILA, MALE PETRUCCI E LE YAMAHA UFFICIALI
La pole sembrava destinata a finire nelle mani di Cal Crutchlow, davvero efficace qui a Motegi, che a pochi minuti dalla fine era il primo a scendere sotto 1.45. L’inglese però non riusciva a migliorarsi ed era superato negli ultimi secondi da Dovizioso, Zarco e Miller che lo relegavano in quarta posizione ad aprire la seconda fila. Il pilota del team LCR faceva comunque meglio di Marquez, autore di qualche piccolo errore che non gli consentiva di fare meglio del sesto tempo preceduto anche da Andrea Iannone. In terza fila finivano le Yamaha ufficiali, con Vinales settimo e Rossi nono preceduto da Alex Rins con la seconda Suzuki. Dopo un venerdì promettente almeno per quanto riguarda Vinales, sembrano riemergere i mali della M1 che patisce lo scarso grip del pneumatico posteriore. L’inaspettato miglioramento messo in mostra in Thailandia pare essere stato dunque un episodio ed ancora una volta Zarco, con una moto che ormai da mesi non riceve aggiornamenti, è davanti e non di poco. Weekend che si annuncia ancora una volta difficile per Petrucci, già in difficoltà ieri e protagonista di una giornata da incubo oggi. Caduto nel finale delle FP3 Danilo è stato costretto a transitare dalla Q1 che non è riuscito però a superare. Per lui solo il quindicesimo tempo ed un confronto col compagno di squadra che inizia a diventare pesante.
LE ALTRE CLASSI
I Moto3 pole position di Rodrigo davanti a McPhee e Bezzecchi. In Moto2 a scattare al palo sarà Pecco Bagnaia affiancato da Quartararo e Lecuona.
LA Q2 DELLA MOTOGP
1 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 309.8 1’44.590
2 5 Johann ZARCO FRA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 304.8 1’44.658 0.068 / 0.068
3 43 Jack MILLER AUS Alma Pramac Racing Ducati 306.3 1’44.727 0.137 / 0.069
4 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 308.2 1’44.820 0.230 / 0.093
5 29 Andrea IANNONE ITA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 305.8 1’44.832 0.242 / 0.012
6 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 306.2 1’44.889 0.299 / 0.057
7 25 Maverick VIÑALES SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 308.2 1’45.140 0.550 / 0.251
8 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 305.2 1’45.225 0.635 / 0.085
9 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 306.2 1’45.265 0.675 / 0.040
10 19 Alvaro BAUTISTA SPA Angel Nieto Team Ducati 306.9 1’45.396 0.806 / 0.131
11 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 307.8 1’45.519 0.929 / 0.123
12 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 299.5 1’46.168 1.578 / 0.649
Alfonso Paduano