MotoGP, a Motegi Marquez può essere campione

Tracciato-di-Motegi.jpg
Dopo la primizia thailandese di Buriram prende il via questo fine settimana il tradizionale trittico asiatico con le tre gare consecutive di Giappone, Australia e Malesia. Team e piloti dopo una settimana di riposo si accingono ad affrontare un mese di permanenza al di fuori dell’Europa prima di chiudere la stagione con la prova conclusiva di Valencia. Il primo appuntamento è a Motegi, in casa della Honda, e non c’è dubbio che proprio qui Marquez vorrebbe chiudere la partita e mettere le mani sul suo settimo titolo mondiale. Il cabroncito vanta 77 punti di vantaggio su Dovizioso e gli basterà quindi perdere non più di due punti dal forlivese per lasciare il Giappone da campione del mondo.
IL CIRCUITO
Il gran premio del Giappone fa tappa fissa a Motegi ormai dal 2004, dopo che il tragico incidente di Daijiro Kato portò ad abbandonare Suzuka per la mancanza dei requisiti di sicurezza richiesti dalla moderna MotoGP. L’impianto sorge a nord di Tokio, è di proprietà della Honda ed è ufficialmente denominato ‘Twin Ring’ visto che al suo interno, oltre al tracciato classico è presente anche un anello di velocità di 2493 metri. La pista normalmente utilizzata ha una lunghezza di 4801 metri, si percorre in senso orario e comprende 14 curve, 8 a destra e 6 a sinistra. Tracciato vario, con sezioni ‘stop and go’ caratterizzate da lunghi rettilinei seguiti da staccate violente e curve molto lente. E’ da sempre la pista più critica in assoluto per gli impianti frenanti tanto che qui è consentito l’uso di dischi freno di diametro maggiorato. Il tratto misto che va dalla curva 5 alla 9 è invece scorrevole e piuttosto veloce, e premia la stabilità in percorrenza. Volendo fare una previsione sulla carta, Ducati appare decisamente favorita e Motegi è forse l’ultimo jolly a disposizione di Andrea Dovizioso per tenere vivo il campionato. Delle tre pista rimanenti all’indomani del Giappone almeno due, Phillip Island e Valencia, sono infatti nettamente favorevoli alla Honda. Marquez dal canto suo ce la metterà tutta per festeggiare in casa del datore di lavoro dunque sarà sicuramente della partita. Sempre sulla carta Motegi è pista ostica per Yamaha, viste le caratteristiche del tracciato, resta da vedere se l’inatteso miglioramento messo in mostra in Thailadia sia stato un episodio o il segnale di un effettivo miglioramento della M1 Da non trascurare poi l’incognita meteo, il clima qui è molto variabile e la pioggia è un’eventualità tutt’altro che remota.
NEL 2017 VITTORIA DI DOVIZIOSO DAVANTI A MARQUEZ
Lo scorso anno il forlivese colse la vittoria davanti a Marquez e all’altra Ducati di Danilo Petrucci. Fu una giornata trionfale per la casa bolognese che in casa della Honda piazzò anche Lorenzo al sesto posto. Poca gloria invece per la Yamaha che fece registrare il nono posto di Vinales e la caduta di Valentino Rossi.
ORARI TV
Il gran premio del Giappone sarà trasmesso in diretta da Sky ed in differita da TV8 con i seguenti orari :
PROGRAMMAZIONE SKY
Venerdì 19 ottobre
2:00-2:40 – FP1 Moto3
2:55-3:40 – FP1 MotoGP
3:55-4:40 – FP1 Moto2
6:10-6:50 – FP2 Moto3
7:05-7:50 – FP2 MotoGP
8:05-8:50 – FP2 Moto2
Sabato 20 ottobre
2:00-2:40 – FP3 Moto3
2:55-3:40 – FP3 MotoGP
3:55-4:40 – FP3 Moto2
5:35-6:15 – Qualifiche Moto3
6:30-7:00 – FP4 MotoGP
7:10-7:50 – Qualifiche MotoGP
8:05-8:50 – Qualifiche Moto2
Domenica 21 ottobre
1:40-2:00 – Warm-Up Moto3
2:10-2:30 – Warm-Up Moto2
2:40-3:00 – Warm-Up MotoGP
4:00 – Gara Moto3
5:20 – Gara Moto2
7:00 – Gara MotoGP
PROGRAMMAZIONE TV8
Sabato 20 ottobre
13:15 – Studio MotoGP
14:00 – Qualifiche MotoGP
15:15 – Studio MotoGP
Domenica 21 ottobre
10:00 – Studio MotoGP
11:00 – Gara Moto3
12:00 – Studio MotoGP
12:15 – Gara Moto2
13:15 – Studio MotoGP
14:00 – Gara MotoGP
15:00 – Studio MotoGP
Alfonso Paduano