Mondiale SBK, ancora Rea in Gara 2, davanti a Davies e Lowes. Mahias iridato in Supersport

WSBK-Jonathan-Rea-Qatar-Gara-2.jpg
Niente da fare nemmeno in gara 2 contro un Rea che non lascia agli avversari nemmeno le briciole. Il nordirlandese chiude dominando questo 2017 per lui trionfale e Chaz Davies conferma il secondo posto in un campionato in cui ha pagato qualche zero di troppo. Del resto con questa Ducati che appare ormai al limite del suo sviluppo solo il gallese è riuscito ad ottenere certi risultati. I due della Yamaha riscattano il doppio zero di ieri con il terzo posto di Alex Lowes ed il quarto di Van Der Mark. Alle loro spalle un grande Xavi Fores, che con la Ducati di Barni si è preso il lusso di relegare alle proprie spalle la Panigale ufficiale di Marco Melandri. Il ravennate è stato per tutta la gara alle prese coi consueti problemi di assetto e chiude al quarto posto finale la stagione che lo ha visto al ritorno nel mondiale delle derivate di serie. Trasferta da dimenticare invece per Tom Sykes che dopo l’opaca prestazione di ieri è caduto oggi, chiudendo quindi al terzo posto il campionato.
IL SOLITO REA, CONFERMA DAVIES, BENE LE YAMAHA
Allo spegnersi del semaforo si assisteva ad una straordinaria partenza di Chaz Davies che azzeccava uno scatto perfetto dalla terza fila tanto da ritrovarsi al comando della gara dopo tre curve. Rea invece conscio del proprio potenziale impiegava un giro di più a portarsi alle spalle del ducatista, con Sykes ed il duo della Yamaha alle sue spalle. Il terzo passaggio vedeva uscire di scena due protagonisti, Sykes infatti incappava in una scivolata e Lorenzo Savadori era costretto al ritiro da noie meccaniche alla saua Aprilia. Rea intanto guadagnava inesorabilmente terreno ed al quarto giro una violenta perdita di aderenza di Davies gli consentiva di portarsi al comando. Il gallese della Ducati nel riprendere il controllo della sua moto rompeva con il torace il plexiglass del cupolino e si vedeva avvicinare da Van Der Mark e Lowes in lotta tra loro. Più indietro Xavi Fores replicava la bella e sfortunata prestazione di ieri superando Melandri ed agguantando la quinta piazza. Le posizioni non cambiavano fino all’arrivo, con il solo Lowes che superava il compagno di squadra centrando un meritato terzo posto.. Alle spalle di Melandri, sesto, chiudevano Laverty e Guintoli protagonisti di un bel duello nel finale, con Camier e Ramos a chiudere la top ten. Degli altri italiani De Rosa finiva undicesimo, Andreozzi tredicesimo e Rolfo quindicesimo. Davide Giugliano non ha preso il via per una gastroenterite che lo ha colpito nella notte. .
SUPERSORT 600, MAHIAS CAMPIONE, SOFUOGLU EROICO
Il francese Mahias si aggiudica gara e titolo del mondiale Supersport, ma l’eroe di giornata è Kenan Sofuoglu. Il turco, al via ad un solo mese dalla triplice frattura del bacino che gli rendeva problematico perfino salire sulla moto, è stato autore di una prestazione straordinaria che lo ha visto cogliere addirittura il podio col terzo posto finale alle spalle di Cluzel. Un’impresa d’altri tempi che la dice lunga sulla forza di volontà del pilota dl team Puccetti, un uomo già ferocemente messo alla prova in passato da pesanti vicende familiari e personali.
Alfonso Paduano