Distrazioni alla guida, da una ricerca di ATeT più selfie che tweet al volante

1111270.jpg

Il gruppo di telecomunicazioni AT&T, ha pubblicato i risultati di una ricerca sul comportamento degli americani al volante: alla guida, 7 su 10 sono impegnati anche a usare il cellulare. In particolare secondo AT&T, che ha preso spunto dallo studio per rilanciare la sua campagna contro le distrazioni alla guida, «It Can Wait», questo può aspettare, il 61% degli intervistati mentre guida leggerebbe, manderebbe o risponderebbe a sms. Il 33% scriverebbe una mail. Al terzo posto dei comportamenti scorretti, il 28% al volante navigherebbe con lo smartphone su internet, il 27% consulterebbe il profilo Facebook e addirittura il 17% sarebbe impegnato in un selfie. Minori pericoli, almeno secondo quanto riportato da AT&T, arriverebbero oggi da Twitter (14%) e Instagram (14%). Nel dubbio, il 62% degli intervistati (oltre 2 mila persone) ha sempre il telefono vicino a se, in mano, sul sedile del passeggero oppure nel tradizionale (da quelle parti) spazio della tazza del caffè. I risultati si riferiscono agli Stati Uniti ma, almeno a vedere cosa accade tutti i giorni nelle nostre città, la situazione in Italia cambia ben poco.

Le attività più frequenti (risposte multiple) mentre si è alla guida secondo AT&T sono:

1.Sms 61%
2.Email 33%
3.Internet 28%
4.Facebook 27%
5.Selfie e foto 17%
6.Twitter 14%
7.Instagram 14%
8.Video 12%
9.Snapchat 11%
10. Video chat 10%.

(da asaps.it/articolo di Alessandro Marchetti Tricamo da motori.corriere.it)