Crash Art, l’originale iniziativa di Isoradio

1111150.jpg

Isoradio promuove un importante evento artistico per diffondere l’educazione alla sicurezza stradale tra i giovani: il progetto CRAS ART. Da venerdì 17 ottobre un’ installazione dell’artista Alexander Jakhnàgiev, composta  da due scocche di automobili gravemente incidentate  disposte come nel momento dello scontro, sarà collocata a Roma, in Piazza Montecitorio. L’evento , voluto da Rai Isoradio e realizzato con il patrocinio della Camera dei Deputati e il sostegno dell’ACI, Automobile Club d’Italia, prevede la partecipazione degli alunni delle scuole medie della Capitale che, il giorno della performance, venerdì 17, con l’artista Alexander Jakhnàgiev , dipingeranno le automobili incidentate. L’intervento di “crash art” realizzato dagli studenti rappresenta una simbolica “rinascita della vita” che, da un momento tragico come quello di un incidente e dai suoi rottami, può trasformarsi in un’opera d’arte: due auto “congelate” nel momento dello scontro che diventano un monumento alla sicurezza stradale. Educazione stradale, quindi, Rinascita, Vita, Riciclo: questi i messaggi dell’iniziativa. L’impegno della RAI e di Isoradio è finalizzato a promuovere l’educazione stradale in particolare tra i giovani, anche al fine di sostenere la rapida introduzione del reato di omicidio stradale. L’appuntamento è per Venerdì 17 ottobre alle ore 11.00, in Piazza Montecitorio: qui l’artista Alexander Jakhnàgiev e gli studenti, dipingendo sulle macchine incidentate, daranno inizio alla “Crash Art”, che sarà inaugurata dalla Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini e dalla presidente della Rai Annamaria Tarantola. L’opera  rimarrà esposta in Piazza Montecitorio e sarà visibile per cinque giorni, fino a martedì 21 ottobre.  Isoradio sarà ovviamente presente venerdì mattina in Piazza Montecitorio per una radiocronaca in diretta dell’evento condotta da Elena Carbonari, con interviste a tutti i protagonisti della giornata.

Alexander Jakhnàgiev è un artista bulgaro che da anni vive a Roma e non è nuovo a esperienze performative di grande impatto sociale. La “Crash Art” è già stata realizzata in occasione del Festival di Sanremo a febbraio 2014, di fronte al Teatro Ariston e , nel settembre 2008, a Sofia , in Bulgaria, nella centrale piazza Sveta Nedelia.

(da Asaps.it)