Autunno in Minicar!

111157.jpg
E’ arrivato l’autunno e da qualche settimana è iniziata la scuola: come ogni anno per molte famiglie si ripropone il problema di consentire ai propri figli uno spostamento rapido, costante e sicuro nel percorso quotidiano da casa. Spesso conciliare la logistica di tutto il nucleo familiare si rivela un problema, aggravato da mezzi pubblici affollati se non assenti e da centri urbani a traffico limitato. Se poi aggiungiamo le specifiche esigenze di ogni teenager nel gestire con libertà ed autonomia i propri impegni extra studio (in primis lo sport), avere un mezzo a misura di “teen” diventa pressoché fondamentale. La scelta più comune è da sempre lo scooter, un mezzo sicuramente pratico ma spesso limitato nell’uso invernale in quanto privo di un abitacolo chiuso. Un’alternativa intelligente e polifunzionale è sicuramente la minicar, un mezzo di trasporto sicuro, ecologico e trasversale, in quanto può essere usato a partire dai 14 anni con patente A.M., ma anche dai 18 anni in su con patente di guida superiore e con la possibilità di trasportare un passeggero. Una vera minicar biposto, capace di affrontare il traffico urbano, i vari ecopass in quanto ecologica e i vari ingombri, grazie ad un bagaglio sorprendentemente ampio; bassi consumi, altissima tecnologia a bordo, una linea fuori dagli stilemi superati e ultra glamour. Ligier e Microcar sono pronti a sdoganare un nuovo uso della miniauto, a tutti gli effetti un mezzo cool per i ragazzini ma anche una urban car dai costi di gestione di uno scooter. 2222
Tecnologia e sicurezza: con questo binomio il gruppo Ligier Group ha concepito, progettato e realizzato i suoi modelli, sviluppando una rigorosa mission per poter offrire alla propria clientela un prodotto confortevole ed affidabile. Luogo comune dal quale i modelli Ligier e Microcar hanno preso le distanze è l’associazione della minivettura agli stereotipi di scarsa sicurezza e mancanza di tecnologia, in quanto hanno attinto dal mondo dell’industria automobilistica tradizionale e sportiva (in primis il passato di Ligier in Formula1). Od oggi scegliere un modello Microcar o Ligier significa trovare a bordo plus di categoria premium nella categoria, Microcar Protection System® telaio motore a deformazione progressiva, capace di deformarsi assorbendo l’urto in caso di collisione. Microcar e Ligier sottopongono i loro modelli a crash-test con manichino strumentato, 1111cellula di sicurezza in alluminio ad alta resistenza, (un’ innovativa tecnologia battezzata ISOTECH un brevetto esclusivo), oltre ad impiegare 4 freni a disco sovradimensionati per assicurare una frenata modulabile ad alta resistenza ed a presentare equipaggiamenti con pneumatici maggiorati (15’’). Altre innovazioni sono il sistema RSS (Rear Smart System) ovvero tergicristallo posteriore intelligente, le luci diurne a LED e le barre anti-intrusione sulle porte di tipo automobilistico, anche in questo caso un plus unico nel suo genere. I recenti aggiornamenti in casa Ligier Group hanno introdotto ancoraggi di cinture di sicurezza con resistenza massima, oltre ad un meticoloso controllo di ogni step durante la fabbricazione: all’uscita della linea di montaggio ogni veicolo viene sottoposto a specifici test sulle infiltrazioni, controllo sospensioni e sterzo. Ad oggi Microcar è il solo produttore di quadricicli ad essere certificato ISO 9001 (Certificazione TǕV Rheinland®). Ligier Group rivoluziona il concetto della minivettura anche nella scelta dei motori associando comfort a riduzione dei consumi: i modelli Microcar e Ligier utilizzano il nuovissimo Lombardini DCI Revolution Common Rail (esclusiva Ligier Group), in categoria A, riservata ai motori con bassissimo impatto ambientale, grazie ad emissioni di CO2 pari a 65,00 g/km, 2222
un vero primato nel mondo dei veicoli a quattro ruote. Pulito, sicuro e dai consumi imbattibili: si percorrono 40km con un litro di gasolio a conferma dei costi di gestione veramente contenuti delle minicar targate Ligier Group (bollo del ciclomotore) e tagliandi ogni 10.000 km. Infine, ogni veicolo è riciclabile quasi al 100%, grazie all’utilizzo di materiali “nobili” quali l’alluminio e l’ABS. Inoltre, al di là degli innegabili pregi tecnici, l’adozione di un motore DCI di derivazione automobilistica, da all’utente un confort e una sensazione di guida da vera City Car. La tonalità del motore, le ridotte vibrazioni, la sua elasticità, uniche nel nostro settore (dominato da motori di derivazione agricola o marina), danno la completa sensazione di essere su una vettura di ben altre caratteristiche. Comfort e ancora comfort: l’abitacolo vanta insonorizzazioni ai massimi livelli, per trasformare ogni viaggio in un’esperienza piacevole e senza compromessi, ulteriormente migliorata dalla sonorità del motore di tipo automobilistico. Un altro must have è l’Easy Parking, ovvero il sistema a partenza assistita che rende il comportamento della minivettura simile a quello di un’auto con cambio automatico. Ultima piacevole sorpresa il climatizzatore senza depotenziamento del motore (grazie alla gestione elettronica), un accessorio sviluppato e montato direttamente dalla casa madre. Last but not least il piacere della personalizzazione: Microcar e Ligier scatenano la fantasia, dando ampio spazio alla possibilità di realizzare un veicolo su misura, come hanno testimoniato le recenti interpretazioni di JS50 by Simoni Racing e Duè Geko.