AUTOANTIQUA, grande successo per la manifestazione svoltasi nel cuore di Roma

222260.jpg

Grande successo di pubblico ed entusiasmo hanno caratterizzato AUTOANTIQUA, un’esposizione gratuita di cimeli a quattro ruote che si è svolta domenica 12 giugno nell’insolita location di Piazza Cola di Rienzo, nel cuore di Roma. A partire dalla prima mattina, decine d’auto d’epoca hannoraggiunto il quartiere Prati per offrire ai passanti incuriositi uno spettacolo irresistibile, fortemente voluto dal territorio per animare e aggregare in un clima di festa i tanti frequentatori dello storico viale, nodo nevralgico dello shopping e della viabilità romana. Impossibili da contare le decine di sguardi e scatti che nel corso della giornata si sono posati sulle macchine in mostra, guidate fino al punto di ritrovodagli stessi proprietari e soci dei club Registro Fiate La Manovella, rimasti poi a disposizione degli avventori più curiosi per raccontare la storia delle loro auto e dei prestigiosi marchi cui appartengono.Tra questi possiamo ricordare la sinuosa Jaguar E Type 3.8 del ’62, rigorosamente di colore nero, facilmente riconoscibile come la macchina di Diabolik.Oppure un belesemplare classe ’52 dello scomparso marchio Cisitalia, una casa così prestigiosa da avere un modello esposto addirittura al MOMA di New York,ma che in questo caso, come ha raccontato il proprietario durante AUTOANTIQUA, veniva usata da lui e dal fratello come scivolo, giocando da bambini, provocando al parabrezza qualche graffio ancora presente e “indossato” dalla macchina con orgoglio e tenerezza. Come non citare poi la simpaticissima Isetta BMW, mini-vettura dell’elegante design in cui molti visitatori non hanno resistito alla tentazione di entrare, passando per la sua caratterista portiera frontale che si apre con tanto di volante annesso. Molte ovviamente anche le macchine più antiche, come un esemplare di Lancia Lambda del 1930, con carrozzeria trasformabile, una Fiat 521 Torpedo del ’25, un modello d’alta classe come la Fiat 520, destinata a un pubblico più elitario, o le varie Fiat Balilla,quelle che invece negli anni del Regime dettero avvio alla motorizzazione di massa.Immancabile la Topolino, “mamma” della 500, e molto pittoresco anche un antico taxi verde ricavato da una 600 multipla. Senza dimenticare qualche gradito intruso come una Ferrari fiammeggiante in pieno stile anni ’80 o una moto Lambretta degna di un film degli Who. Oltre all’esposizione di automobili, di cui abbiamo illustrato solo un piccolo assaggio, AUTOANTIQUA è stato corredato da una serie di promozioni e iniziative nei negozi della via, tra cui dj set, animazione per bambini e il concerto di chiusura “Intorno ai ‘50”, eseguito dal duo Berto-de Portu. Presenti “su strada” anche i fotografi dell’Isfci – L’istituto Superiore Di Fotografia e Comunicazione Integrata, che in partnership con l’evento ha organizzato veri e propri shooting fotografici con il coinvolgimento del pubblico presente. Testimonial d’eccezione è stato il noto conduttore radiofonico, nonché inviato di Striscia la NotiziaCharlie Gnocchi, “amico” del quartiere e quotato artista sperimentale, nonché grande appassionato d’auto d’epoca. In collaborazione con Art in Marble, Charlie Gnocchi ha creato una scultura in marmo ispirata alla manifestazione e messa in vendita a scopo benefico insieme ad altre sue opere, esposte a latere delle vetture. AUTOANTIQUA, che spera di essere solo la prima di una serie di edizioni sempre più ricche di modelli ed eventi, ha avuto il patrocinio del Municipio Idel Comune di Roma. Per i dettagli della manifestazioneè possibile consultare anche la pagina Facebook ufficiale dell’evento e il sito internet www.autoantiqua.it, realizzato dalla web agency Idearia.

(Redazione/Comun. stampa)