WSBK, Lowes si aggiudica Gara 2 a Brno

WSBK-Brno-Gara-2-Lowes.jpg
Corsa ad eliminazione e risultato decisamente a sorpresa in Gara 2 oggi a Brno. L’inglese Alex Lowes centra il primo successo in carriera e porta la Yamaha del team Pata al terzo successo in due gare, per di più precedendo il compagno di squadra, quel Michael Van Der Mark che aveva fatto doppietta a Donington. Un segnale chiaro di raggiunta competitività e costanza di rendimento della R1, anche se la gara oggi è stata pesantemente condizionata dall’incredibile uscita di scena di Rea Melandri e Sykes nelle prime fasi di gara. Con il duo della kawasaki ed il compagno di squadra fuori gara, Davies grazie ad una gara accorta coglieva un terzo posto che di fatto gli permette di recuperare in classifica quanto perso ieri, riportandolo a 64 punti da Rea. Una simile debacle, con entrambi i piloti fuori dai punti, non era mai capitata in casa Kawasaki, ed oltre a questo forse l’asfalto poco abrasivo del circuito ceco ha dato una mano alla Yamaha, come lascerebbe supporre anche il discreto piazzamento delle due Aprilia. Resta quindi da attendere una conferma riguardo a quanto emerso nelle ultime due gare, con Yamaha che comunque sembra poter contendere a Ducati il ruolo di seconda forza del campionato.
LA CRONACA – REA, MELANDRI E SYKES OUT – YAMAHA FA DOPPIETTA
Al via le due Yamaha sfruttavano al meglio la prima fila e si portavano al comando con Van Der Mark a precedere Lowes. Melandri era autore di un grande avvio dalla terza fila e transitava addirittura terzo al primo giro, seguito da Laverty e Davies. Sembrava invece stentare il duo della Kawasaki, con Rea che faticava a superare il compagno di squadra. Davanti intanto Melandri dimostrava di averne più di tutti, passava Van Der Mark e si incollava alle spalle di Lowes, che si era portato al comando. Al terzo giro il colpo di scena, Rea nel tentativo di aver ragione di Sykes entrava in contatto col compagno di squadra e finiva a terra, senza poter riprendere la corsa. Un’occasione d’oro per Melandri, ma il ravennate poco dopo essersi portato in testa alla gara era vittima di un lungo in frenata che lo costringeva ad una lunga escursione nella ghiaia ed a ripartire in coda al gruppo. Al sesto giro anche Sykes finiva a terra, e la corsa perdeva un altro potenziale protagonista. L’inglese riusciva a riprendere ma anche lui ormai tagliato fuori dai giochi. Al comando intanto le prime tre posizioni erano acquisite, col duo delle Yamaha in bagarre tra loro e Davies saldamente terzo. Alle loro spalle Laverty, Rinaldi e Savadori davano vita ad un bel duello per le posizioni immediatamente a ridosso del podio. A tre giri dalla fine Lowes continuava a comandare senza commettere la minima sbavatura e Van Der Mark era costretto ad arrendersi, lasciando al compagno la prima vittoria in carriera. Con Lowes, Van Der Mark e Davies a podio, a vivacizzare le ultime fasi di gara era il duello per il quarto posto che vedeva Laverty precedere Savadori e Rinaldi. Più staccati, Camier, Fores, Razgatioglu e Ramos chiudevano la top ten.
LE ALTRE CLASSI
In Supersport 600 vittoria di Cluzel davanti a Cortese, col francese bravo a sfruttare il lieve vantaggio di motore della sua R6 ed a chiudere tutte le porte al rivale. Terzo posto e quarto podio in stagione per un bravissimo Raffaele De Rosa, che con la sua MV sembra l’unico in grado di inserirsi in una sorta di monomarca Yamaha.
Nella Supersport 300 gara interrotto a tre giri dalla fine per bandiera rossa e vittoria di Pratama davanti a Khan e Sanchez.
La gara della Superstock 1000 si è disputata sotto una pioggia battente ed ha visto la vittoria di Scheib su Aprilia davanti ad un grande Alessandro Delbianco al suo primo podio stagionale con la Bmw Althea. Terzo il francese Marino con la Yamaha R1
Alfonso Paduano