WSBK, Davies e Rea dominano le libere del Venerdì a Imola

WSBK-Imola-2018.jpg
Se ancora ci fossero dei dubbi su quelli che saranno i candidati alla vittoria nel round italiano del mondiale Sbk, questi sono stati spazzati via dalla prima giornata di prove ibere. I due protagonisti assoluti del campionato hanno infatti iniziato il duello già oggi chiudendo appaiati in vetta alla classifica dei tempi con l’identico crono di 1.46.686. ottenuto della FP3.
REA RESISTE ALL’ASSEDIO DUCATI
Il campione del mondo è ben deciso a conquistare il feudo del nemico ed ha mostrato chiare le sue intenzioni fin dalla FP1 del mattino, quando già era sceso sotto 1.47. Davies era riuscito verso il termine della sessione a strappare il miglior tempo ma Rea, deciso a non lasciare nemmeno le briciole, si riportava al comando a pochi minuti dalla fine. Ed anche la FP2 si chiudeva sotto il segno del nordirlandese che tuttavia, così come Davies, non riusciva a migliorare il tempo del mattino. Si arrivava così alla terza ed ultima sessione di libere, che vedeva nuovamente il dominio del campione del mondo fino quasi allo scadere, quando un ultimo formidabile giro di Davies gli toglieva la soddisfazione dell’en plein. Il gallese della Ducati veniva infatti classificato al primo posto in virtù del secondo miglior tempo realizzato. Dietro ai due fenomeni chiudeva Marco Melandri che accusa quasi mezzo secondo di distacco. Quarta posizione per un grande Lorenzo Savadori, finalmente recuperato fisicamente e galvanizzato dall’aria di casa. Il pilota dell’Aprilia Milwakee precede Michael Van Der Mark con la Yamaha del team Pata. Subito alle spalle dell’olandese troviamo la seconda Kawasaki di Tom Sykes e il bravo Xavi Fores, con la Panigale del team Barni. Ottava posizione per il rientrante Leon Haslam, che qui corre come wild card con la Kawasaki del team Puccetti, e che meriterebbe un rientro a pieno titolo nel campionato. Chiudono la top ten Jordi Torres con la MV e il rookie Michael Ruben Rinaldi con la Ducati dello junior tem Aruba. Sono così ben quattro le Panigale che accedono direttamente alla Superpole 2
Alfonso Paduano