La Vespa Venice di Moretto all’8° Vespa World Days

Vespa-Venice-1.jpg

La Vespa Venice presentata alla Biennale di Venezia

Proveniente dalla sede del Museo Piaggio, dove continuerà ad essere esposta in permanenza fino alla fine del 2015, la Vespa Venice di Luca Moretto è l’unica della collezione Piaggio a partecipare ad una delle edizioni della Biennale di Venezia, al 54° Padiglione Italia, curato da Vittorio Sgarbi, noto critico d’arte.

Un successo inaspettato, dopo un periodo non semplice per l’artista, che così commenta la sua presenza :”[…] è un vero orgoglio e una grande soddisfazione per me vedere che Piaggio mi dia considerazione e apprezzi il lavoro che ho svolto in questi anni. Sto investendo tanto sia nelle opere ma anche nella comunicazione su cui punto molto e cerco di impegnarmi sempre al massimo seppur trovando grandi difficoltà fisiche e psicologiche. Sono arrivato all’arte a seguito di un triste frangente che mi ha portato alla disabilità e ad una vita scandita in primo piano dal dolore che vivo costantemente e su cui non c’è soluzione concreta, il mio incidente mi ha dato però la forza di tirar fuori tutto quello che avevo dentro di me ma era latente, oggi sono un uomo diverso e vedo il mondo da una prospettiva differente, e tutto questo si riversa sulla mia testa, poi sulle mie mani e diventa arte. Vedere che in Piaggio mi stanno dando la possibilità di essere presente nei loro piani è un vero orgoglio e nonostante le difficoltà nel fare l’artista (amplificate anche dalla mia disabilità), vengo ogni giorno ripagato da questi gesti.”.

Parole spontanee, quelle del Moretto, la cui opera è passata per il Fuorisalone di Milano, oltre ad essere stata testimonial di L.A. GEAR al MICAM, per poi essere presentata al Museo Piaggio, in Via Rinaldo Piaggio a Pontedera, nella serena cittadina pisana, già nel luglio 2012. Un percorso che potremmo definire “blasonato”, la cui tappa finale è il Raduno Mondiale “8° Vespa World Days” di Mantova.

Un omaggio, quindi, non solo all’artista veneto, ma a tutti gli appassionati, europei e non, per un “museo temporaneo” in cui spiccheranno nomi come Salvator Dalì, Mino Trafeli, Ugo Nespolo. Intanto, Luca Moretto, come le moto della Piaggio, non si arresta: ha già in programma la realizzazione di un nuovo modello, la Vespa 946, in versione Vespa Venice.

Lidia Ianuario
(Riproduzione riservata ©)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.