Renault Kadjar 1.5 dci 110cv Bose, la crossover versatile e spaziosa

13405258_10208754338687851_2026761969_o1.jpg

13405258_10208754338687851_2026761969_oIl segmento delle SUV/Crossover di media stazza si sta affollando sempre di più. Per riuscire ad aprirsi un varco in questo difficile mercato, i costruttori puntano in prima battuta su un design ammiccante, ma ci sono alcuni produttori, che puntano soprattutto sui contenuti e sulla praticità. La Renault Kadjar segue questa seconda strada. Il modello che abbiamo avuto in prova è la Kadjar 1.5 dci 110cv Bose.  Sulla Kadjar si sale letteralmente, il posto guida è molto rialzato. Il piano di seduta ha molteplici regolazioni, nel caso del nostro modello elettriche. Trovare la giusta posizione è un operazione facilitata anche dalla regolazione in profondità del piantone dello sterzo.

13410594_10208754344808004_1359362999_oLa Plancia si distingue in modo netto dal design degli esterni. Appare un blocco unico di plastica, di tipo morbido, dallo stile pratico che punta sulla funzionalità. I comandi sono posti in modo da essere facilmente individuabili a parte il controllo dell’ottimo impianto Bose posto esattamente alle spalle della razza sinistra del volante. Le finiture sono in contrasto fra loro. I sedili, parte dei pannelli, volante e cupolino copri strumenti sono di materiale pregiato, ma le cornici della parte centrale della plancia, delle pulsantiere e dei pannelli porta,  sono di tipo eccessivamente rigido.   Davanti al conducente c’è un bel display completo dalla grafica molto piacevole. A seconda di come lo si seleziona dal pannello centrale può assumete quattro tipologie di grafica ognuna con informazioni specifiche e ben cinque colorazioni diverse. Avremmo solo preferito un comando di controllo ridondante sul pulsante del trip computer sulla leva alla sinistra del volante.

13441557_10208754344207989_1376091880_oL’impianto Bose è di qualità eccellente, i diffusori sono situati nell’abitacolo con uno studio certosino delle sorgenti sonore. Al centro della plancia c’è il sistema R-Link. Un esempio di efficienza e funzionalità. Nella videata principale ci sono tutte le informazioni riguardanti il navigatore, le sorgenti che sfrutta l’impianto audio. Scorrendo con un semplice tocco si aprono le pagine delle funzioni specifiche, dove è possibile controllare lo smartphone, e gli accessori tramite le prese USB. Il già noto sistema Driving Eco2  consente di avere ancora più parametri per controllare il proprio stile di guida con il solito voto finale in centesimi. Ultima ma non per importanza,  il monitoraggio dell’aria esterna ed il controllo del clima interno in funzione del suo grado di inquinamento.  L’impianto di climatizzazione è un automatico bizona, facile da utilizzare, ma manca di precisione nella tenuta del clima interno con la funzione automatica e manca delle bocchette posteriori.

13410328_10208754343287966_317191001_oLo spazio a bordo è sufficiente per ospitare quattro persone senza particolari problemi.  Un quinto passeggero trova posto senza troppe difficoltà. Il bagagliaio della Renault Kadjar ha dimensioni notevoli da station wagon con 527 litri. Il vano può essere frazionato con un sistema di mensole e può essere sfruttato usando il sistema di leve con cui si possono reclinare i sedili posteriori in una semplice mossa.   La Kadjar è ingombrante, i montanti spessi e le nervature pronunciate del cofano creano qualche problema, dietro il lunotto è piccolo, ma ci sono una serie si aiuti che spaziano, da una batteria di sensori che controllano tutti i lati della vettura anche in marcia, sensori di parcheggio e l’immancabile camera posteriore.  Su strada si apprezzerebbe molto di più il lavoro fatto dai tecnici Renault per quanto riguarda il comparto sospensioni, se non ci fosse il limite dei cerchi dalla ragguardevole misura di 19 pollici, basterebbe avere la misura da 18 perchè il confort passasse da buono ad eccellente.

13410447_10208754342167938_790595267_oSotto il cofano c’è il 1.5 dci vecchia conoscenza di casa Renault. Un ottimo motore, con una buona progressione e poco turbolag. Purtroppo la potenza di 110cv, appare nonostante le sue buone doti di coppia, abbastanza sottodimensionato per la stazza della Renault Kadjar. Per chi può permetterselo meglio puntare decisamente la versione da 1.6 dci da 130cv. La poca potenza comporta un inevitabile lentezza in accelerazione. In pratica è inutile spingere affondo sull’acceleratore per avere spunti da sparo al semaforo. Meglio godersi la marcia rilassata l’aumento regolare della velocità senza strappi.  A venire in aiuto delle condizioni difficili ci pensa il cambio automatico. Un classico cambio da 6 marce utilizzabile anche nella modalità manuale ma senza palette al volante. In ogni caso appena si affonda il piede sull’acceleratore il cambio adegua da solo le marce, migliorando la risposta della Kadjar mettendo il motore nelle condizioni migliori di sfruttamento della curva di coppia migliorando la ripresa, a patto do non usare la funzione eco, dove la Kadjar rimane sempre molto pigra per evitare di consumare troppo.

13410789_10208754341687926_1922339849_oL’indole tranquilla della Kadjar emerge decisamente appena si prova ad affrontare qualche curva con un piglio un più vivace. Lo sterzo manca di precisione, ma il comando appare soprattutto poco progressivo. Un problema che sembrerebbe dovuto in parte all’eccessivo peso sull’avantreno della vettura, ed in parte alla misura veramente eccessiva dei cerchi da 19 pollici. Un pneumatico con cerchio da 18 avrebbe dato più progressione. I tecnici Renault hanno invece calibrato perfettamente l’impianto frenante in funzione della massa rilevante della Kadjar. Un impianto potente, resistente alla fatica, ma soprattutto perfettamente modulabile. Avere un impianto frenante così ben calibrato aiuta sicuramente a correggere le incertezze degli inserimenti dovuti alla carenza dello sterzo potendo contate su una rete di sicurezza sempre affidabile. Una volta smesso di litigare con il volante si apprezza il telaio comunque di buon livello. La Kadjar in curva trova il suo appoggio sempre sicura e senza mai mostrare comportamenti improvvisi che possono mettere in difficoltà il conducente.

13405606_10208754338247840_482538490_oVeniamo considerazioni economiche. In se il 1.5 dci da 110cv se lo si usa nella condizione Eco, consuma veramente poco. Un driver accorto che punta il suo stile di guida sul confort, potrà anche raggiungere i 18 km/l, che considerando il peso e la poca potenza è un risultato veramente notevole.  Il Kadjar è molto ricco come allestimento già di base, a parte l’ottimo impianto Bose che da il nome alla vettura, l’esemplare in nostro possesso aveva il sistema R-Link con navigatore e retrocamera posteriore, fari a led adattativi, sensori di parcheggio e di prossimità, sensori luci e pioggia. In più c’erano cerchi in lega da 19 pollici, interni in materiale pregiato.  La dotazione di sicurezza è composta dalla solita nutrita batteria di Aurbag, da ABS, assistenza alla frenata di emergenza, ESC, freno di stazionamento elettronico, cruise control ed Eco Mode abbinato al sistema Driving Eco2. Con questa configurazione si arriva ad un prezzo di 32 mila euro. Un prezzo che potrebbe apparire elevato ma che può essere anche abbassato sensibilmente lavorando con il cofiguratore calibrando meglio accessori e versioni, su può per esempio ridurre la luminosità all’abitacolo rinunciando all’optional del tetto in vetro panoramico fisso, si perderebbe lo stupendo spettacolo di un cielo stellati primaverile, ma comunque si avrebbe una SUV/ Crossver tra le più spaziose e versatili del mercato.

Daniele Amore