MotoGP, un grande Jorge Lorenzo trionfa in Austria

Jorge-Lorenzo-Winner-GP-Austria-2018.jpg
Ducati espugna per il terzo anno di fila il Red Bull Ring grazie ad un sontuoso Jorge Lorenzo capace di piegare un irriducibile Marc Marquez. Terzo posto per Andrea Dovizioso con qualche rimpianto viste le premesse della vigilia.
LORENZO TRASFORMATO, MARQUEZ MONDIALE IN TASCA
Dopo le prove il podio della gara era scontato, con Marquez e le due Ducati ufficiali nettamente favoriti. Restava da definire l’ordine di arrivo ma sul fatto che i tre avrebbero fatto gara a parte c’erano pochi dubbi. Si pensava però ad una sorta di rivincita tra Dovizioso e Marquez e quest’ultimo ansioso di vendicare lo ‘sgarbo’ subito dal forlivese qui lo scorso anno Perfino la scelta delle gomme, apparentemente più rischiosa per Lorenzo, faceva pensare alla solita sfuriata iniziale di Jorge destinato poi ad essere superato dagli altri due. Ed invece il maiorchino è stato capace di seguire Marquez per tre quarti di gara, di superarlo e di replicare poi a tutti i tentativi di attacco del campione del mondo. Certo più passano le gare e più aumentano i rimpianti per la separazione tra Lorenzo e la Ducati proprio nel momento in cui si iniziano a raccogliere i frutti. Marquez mastica amaro per la seconda sconfitta consecutiva ma anche oggi si mette in tasca una fettina di titolo, visto che il suo vantaggio in classifica generale su Rossi è salito a 59 punti ed i rivali veri, che sono i ducatisti, sono ancora più staccati.
ROSSI ANCORA PRIMO DELLE YAMAHA
La gara si è rivelata come si prevedeva difficilissima per le Yamaha ed è stato ancora una volta Rossi a salvare il salvabile. Il pesarese, partito dalla quattordicesima posizione in griglia, aveva comunque sistemato la moto al meglio visto che ha mantenuto un passo discretamente veloce e costante per tutta la gara riuscendo a risalire fino al sesto posto finale. Dopo il ‘mea culpa’ recitato ieri dai vertici della casa si spera in una svolta tecnica vera, staremo a vedere.
LA CRONACA
Dopo uno spunto iniziale di Lorenzo era Marquez a prendere il comando delle operazioni davanti alle due Ducati. Il campione del mondo, partito con gomma media anteriore e hard posteriore, forzava subito il passo nell’intento di fiaccare la resistenza dei due rivali. Marquez arrivava ad accumulare poco più di un secondo di margine, seguito da Lorenzo, Dovizioso, Crutchlow. Petrucci e Rins. Rossi, partito quattordicesimo, teneva un buon ritmo e recuperava posizioni transitando decimo al quarto giro. Al comando le posizioni restavano invariate ma i due ducatisti ricucivano progressivamente lo strappo fino a ricomporre il terzetto di testa. La svolta della gara al diciannovesimo passaggio quando Lorenzo affondava il suo attacco mandando leggermente largo Marquez. Dovizioso era costretto ad allargare a sua volta e perdeva contatto dai primi due. La lotta per la vittoria restava così ristretta a Lorenzo e Marquez ed i due davano spettacolo negli ultimi tre giri, con il maiorchino capace di replicare a tutti gli attacchi e di aggiudicarsi il successo. Alle spalle dei primi tre staccato di una decina di secondi finva Cal Crutchlow che precedeva Petrucci e Rossi, risalito fino al sesto posto finale. Ad un soffio dal pesarese chiudeva Dani Pedrosa mentre Rins, Zarco e Bautista completavano la top ten. Ancora una gara deludente per Maverick Vinales, dodicesimo a oltre 22 secondi e mai in evidenza nonostante la scelta della gomma soft posteriore.
LE ALTRE CLASSI
In Moto3 Marco Bezzecchi doveva vincere ed ha vinto una gara capolavoro, comandando la corsa fin dalla prima curva. Secondo posto per Enea Bastianini e terzo gradino del podio per uno straordinario Martin che a sei giorni dall’intervento per la frattura del polso sinistro ha rischiato di vincere la gara. Con la vittoria odierna Bezzecchi consolida la leadership in campionato con 12 punti di vantaggio sullo stesso Martin.
In Moto2 vittoria di Pecco Bagnaia che ha risolto a suo favore una bellissima battaglia con Oliveira, incrociando il rivale all’ultima curva. Terzo posto per Luca Marini che è anche al terzo podio consecutivo e quarto Mattia Pasini. Grazie al successo odierno Bagnaia torna in testa al campionato con tre punti di margine su Oliveira.
CLASSIFICA GENERALE MOTOGP DOPO 11 PROVE
Marc MARQUEZ Honda SPA 201
2 Valentino ROSSI Yamaha ITA 142
3 Jorge LORENZO Ducati SPA 130
4 Andrea DOVIZIOSO Ducati ITA 129
5 Maverick VIÑALES Yamaha SPA 113
6 Danilo PETRUCCI Ducati ITA 105
7 Johann ZARCO Yamaha FRA 104
8 Cal CRUTCHLOW Honda GBR 103
9 Andrea IANNONE Suzuki ITA 84
10 Alex RINS Suzuki SPA 66
11 Dani PEDROSA Honda SPA 66
12 Jack MILLER Ducati AUS 61
13 Alvaro BAUTISTA Ducati SPA 57
14 Tito RABAT Ducati SPA 35
15 Pol ESPARGARO KTM SPA 32
16 Hafizh SYAHRIN Yamaha MAL 24
17 Franco MORBIDELLI Honda ITA 22
18 Aleix ESPARGARO Aprilia SPA 17
19 Bradley SMITH KTM GBR 15
20 Scott REDDING Aprilia GBR 12
21 Takaaki NAKAGAMI Honda JPN 11
22 Mika KALLIO KTM FIN 6
23 Karel ABRAHAM Ducati CZE 4
Alfonso Paduano