MotoGP – Misano, Vinales centra la pole davanti a Dovizioso e Marquez

Vinales-GP-Misano-2017.jpg
Maverick Vinales interrompe la striscia di pole consecutive del rivale Marc Marquez e conferma i progressi della Yamaha. Ma la vera sorpresa è ancora una volta Andrea Dovizioso, che sperava in una seconda fila ed ha rischiato seriamente di fare il colpo grosso. Sempre calmo, preciso e sicuro nel suo metodo di lavoro e nelle sue scelte il forlivese ha ottenuto il suo miglior risultato in qualifica qui a Misano, e se la può tranquillamente giocare domani. Dal canto suo Marquez, apparso velocissimo in tutte le sessioni ha mancato l’appuntamento decisivo, disputando una qualifica nervosa che lo ha visto protagonista di una scivolata che ha di fatto messo fine ai suoi tentativi.
HONDA E DUCATI SEMPRE VELOCI, GRAN PASSO AVANTI YAMAHA
La FP3 del mattino si disputava con un asfalto in condizioni migliori rispetto a ieri ma questo aveva poco effetto sui tempi, con pochi piloti che riuscivano a migliorare i riferimenti delle FP2 di ieri. Tra questi Marc Marquez, che ancora una volta dimostrava di avere qualcosa in più sia sul giro secco che sul passo. Il 93 nella combinata dei tempi precedeva Vinales, in costante miglioramento, ed il capofila della FP2 Danilo Petrucci, fermo al tempo di ieri. Quarto tempo complessivo per Cal Crutchlow, uno dei pochi a migliorare, davanti a Dovizioso e Pedrosa che sembra ancora un po’ in difficoltà. L’elenco dei dieci piloti ammessi di diritto alla Q2 era completato da Lorenzo, Zarco, Pirro ed Aleix Espargaro con l’Aprilia dotata della nuova carenatura, del tutto simile a quella introdotta da Ducati. La casa di Borgo Panigale confermava quindi il grande risultato di ieri, piazzando tutte e quattro le GP17 ufficiali direttamente nelle prime dieci posizioni. La FP4, la sessione più significativa per valutare le prestazioni in assetto di gara, vedeva il gran miglioramento di Vinales, autore di un long run di venti giri con gomma dura posteriore che lo ha visto autore di un passo eccellente e soprattutto di buoni tempi fino alla fine, segno che effettivamente la nuova ciclistica 2018 ed i miglioramenti di elettronica stanno dando i frutti sperati.
IN QUALIFICA DOVIZIOSO SI ARRENDE SOLO A VINALES
Dalla Q1 uscivano i nomi di Bautista ed Abraham, e così erano ben sei le Ducati in pista a giocarsi le prime dodici posizioni dello schieramento. Un risultato strepitoso se si pensa che questa è tradizionalmente una pista difficile per la rossa. Nella prima uscita era subito Marquez a prendere l’iniziativa ed alle sue spalle si incollava Michele Pirro, e la presenza del pilota Ducati dava l’impressione di innervosire lo spagnolo. Fin dal primo tentativo era invece Vinales ad impressionare, veloce e sicuro come ad inizio anno, a conferma di una ritrovata fiducia. Il secondo tentativo, quello decisivo, vedeva il colpo di scena della scivolata di Marc Marquez che dopo aver segnato intertempi record cadeva senza conseguenze nel tratto veloce del circuito. chiudendo la sessione col terzo tempo. Dovizioso piazzava in sequenza due giri molto veloci e solo un grande Vinales riusciva, a togliergli la pole a pochi secondi dalla fine. Una prima fila comunque insperata e molto significativa per Dovizioso e la Ducati, ed i tre pretendenti al titolo che scatteranno davanti a tutti domani. In seconda fila partiranno Crutchlow, Lorenzo e Zarco. Lorenzo anche oggi non ha impressionato, forse questo tracciato molto fisico accentua la mancanza di confidenza con la Ducati, Chi ha in parte deluso le attese è Dani Pedrosa, che apre la terza fila col settimo tempo e che al momento appare un po’ in difficoltà. Al suo fianco scatterà Danilo Petrucci, che ha mancato l’appuntamento con la sessione decisiva dopo ottime sessioni di prove libere. Notte fonda per Andrea Iannone e la Suzuki, con l’abruzzese che partirà ventunesimo ed ancora una volta preceduto dal compagno di squadra Rins. Il pilota ed il team parlavano di miglioramenti attesi per Misano, vista anche l’introduzione di importanti novità tecniche, ma al momento l’uscita dal tunnel appare molto lontana. Per domani le previsioni meteo parlano di probabile pioggia ed in questo caso tutti ripartiranno da zero visto che per tutto il fine settimana si è provato su asfalto asciutto.
MOTO3 E MOTO2
In Moto3 pole del nostro Enea Bastianini davanti a Martin e Mir con Di Giannantonio quarto, Fenati quinto, Antonelli ottavo e Bulega decimo. In Moto2 quarta pole consecutiva per lo straordinario Mattia Pasini davanti a Franco Morbidelli e Aegerter. Bene gli altri italiani con Naldassarri quarto, Bagnaia sesto, Simone Corsi ottavo e Luca Marini undicesimo.
MotoGP – GP di San Marino e della Riviera di Rimini (Misano Adriatico) – Griglia di partenza e tempi

Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap
1 25 Maverick Vinales Yamaha Movistar Yamaha Motogp 1:32.439
2 4 Andrea Dovizioso Ducati Ducati Team 1:32.601 0.162
3 93 Marc Marquez Honda Repsol Honda Team 1:32.636 0.197
4 35 Cal Crutchlow Honda Lcr Honda 1:32.768 0.329
5 99 Jorge Lorenzo Ducati Ducati Team 1:32.792 0.353
6 5 Johann Zarco Yamaha Monster Yamaha Tech 3 1:32.885 0.446
7 26 Dani Pedrosa Honda Repsol Honda Team 1:32.992 0.553
8 9 Danilo Petrucci Ducati Octo Pramac Racing 1:32.997 0.558
9 41 Aleix Espargaro Aprilia Aprilia Racing Team Gresini 1:33.149 0.710
10 19 Alvaro Bautista Ducati Pull&bear Aspar Team 1:33.417 0.978
11 51 Michele Pirro Ducati Ducati Team 1:33.491 1.052
12 17 Karel Abraham Ducati Pull&bear Aspar Team 1:34.374 1.935
Alfonso Paduano