MotoGP, Marquez in pole al Red Bull Ring

Marc-Marquez1.jpg
Due millesimi di secondo, questo il margine ridottissimo che Andrea Dovizioso ha dovuto rendere a Marc Marquez che stavolta non si è lasciato sfuggire la partenza al palo. Il piccolo diavolo ha compiuto l’ennesimo salvataggio miracoloso ed ha dovuto impegnarsi allo spasimo per aver ragione del forlivese. Molto vicino anche Jorge Lorenzo che paga poco più di un decimo.
MARQUEZ E LE DUCATI GRANDI FAVORITI
Il meteo ha reso inutile una FP3 disputata con pista umida che ha lasciato invariata la top ten scaturita dalla FP1 di ieri. La sessione che ha meglio chiarito i valori in campo è stata come al solito la FP4 dove i piloti mettono in mostra il potenziale per la gara. In queste condizioni Marquez e le due Ducati di Dovizioso e Lorenzo hanno messo in mostra un passo impossibile per tutti gli altri, con Marquez forse un filo più veloce di Dovizioso e Lorenzo molto vicino.. Lontani gli altri e lontanissime le Yamaha, almeno quelle ufficiali che accusavano oltre un secondo. Previsioni della vigilia quindi confermate con Marquez e le Ducati che sulla carta prenotano già il podio. Sia Ducati che Honda sembrano essere ulteriormente migliorate rispetto allo scorso anno, con Petrucci che apre la seconda fila col quarto tempo seguito da Cal Crutchlow. A chiudere la seconda linea col sesto tempo Johann Zarco, unico capace di portare una Yamaha in posizione decorosa in griglia. Terza fila per Rabat, Iannone e Pedrosa e quarta per Rins, Vinales e Bautista.
DISASTRO YAMAHA UFFICIALI
Giornata da definire imbarazzante per i due piloti ufficiali del team Yamaha, con Rossi rimasto fuori dai dieci nella FP1 di ieri e costretto a transitare dalla Q1. Ostacolo sempre insidioso e stavolta tutt’altro che scontato da superare, vista la presenza della Ducati di Bautista e della Suzuki di Rins. E sono stati proprio questi due piloti a passare in Q2 con Rossi messo dietro perfino dalla Ktm di Smith. Per il pesarese quattordicesimo tempo e partenza in quinta fila. Non molto meglio ha fatto Maverick Vinales, che ammesso direttamente in Q2 è stato sempre nelle ultime posizioni e partirà in quarta fila con l’undicesimo crono. Stavolta i piccoli miglioramenti mostrati nelle ultime gare soprattutto grazie a Rossi non si sono visti, e la moto sembra peggiorata, qui, pure rispetto allo scorso anno Tutto questo mentre Zarco, con la M1 satellite del Tech 3 cui presumibilmente sono stati ‘tagliati’ aggiornamenti e sviluppi, fa meglio in tutte le sessioni e strappa un sesto tempo che, visto chi c’è davanti, era oggi il miglior risultato possibile
Per domani il pronostico per il podio è obbligato, mentre per Yamaha allo stato attuale sembra impossibile anche un piazzamento nei primi cinque.
LE ALTRE CLASSI
In Moto3 prima pole in carriera per Marco Bezzecchi davanti ad uno stoico Martin, al rientro dopo l’operazione al polso di lunedì scorso, ed Arenas. Per Bezzecchi anche l’annuncio del passaggio in Moto2 nel 2019 con il team Tech 3 e Ktm.
In Moto2 pole del nostro Pecco Bagnaia davanti ad Oliveira e Quartararo, con Pasini sesto, Baldassarri nono e Marini decimo. Oliveira si conferma avversario tostissimo per Bagnaia soprattutto se, come sembra, ha risolto il problema delle qualifiche.
RISULTATI Q2 MOTOGP
93 Marc MARQUEZ Repsol Honda Team Honda 312.7 1’23.241
2 4 Andrea DOVIZIOSO Ducati Team Ducati 310.1 1’23.243 0.002 / 0.002
3 99 Jorge LORENZO Ducati Team Ducati 309.3 1’23.376 0.135 / 0.133
4 9 Danilo PETRUCCI Alma Pramac Racing Ducati 309.5 1’23.503 0.262 / 0.127
5 35 Cal CRUTCHLOW LCR Honda CASTROL Honda 310.1 1’23.812 0.571 / 0.309
6 5 Johann ZARCO Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 306.9 1’23.887 0.646 / 0.075
7 53 Tito RABAT Reale Avintia Racing Ducati 311.5 1’23.922 0.681 / 0.035
8 29 Andrea IANNONE Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 303.9 1’24.091 0.850 / 0.169
9 26 Dani PEDROSA Repsol Honda Team Honda 308.2 1’24.124 0.883 / 0.033
10 42 Alex RINS Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 305.5 1’24.227 0.986 / 0.103
11 25 Maverick VIÑALES Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 307.0 1’24.284 1.043 / 0.057
12 19 Alvaro BAUTISTA Angel Nieto Team Ducati 307.6 1’24.342 1.101 / 0.058
Alfons Paduano