MotoGP, Marquez in pole a Buriram

Marc-Marquez.jpg
Marc Marquez agguanta una pole position quanto mai tribolata , strappandola per appena 11 millesimi a Valentino Rossi e con Andrea Dovizioso a chiudere la prima fila. La sorpresa di giornata è venuta proprio da Rossi e dalla Yamaha che qui sono risorti in modo inaspettato.
SORPRESA YAMAHA
Che l’exploit Yamaha fosse del tutto inatteso è testimoniato dalla incredulità dello stesso Rossi, che già ieri si era detto sorpreso delle prestazioni della moto. Ripartenze da bassa velocità e temperatura torrida, due caratteristiche di Buriram che sulla carta parevano una condanna anticipata per le moto di Iwata questa volta sono state digerite senza grandi problemi. Sicuramente il tracciato non troppo tecnico ed il tratto misto che premia la percorrenza aiutano le M1, il resto forse lo ha fatto la motivazione dei piloti che finalmente si sentono competitivi. Più della prestazione in qualifica ad impressionare è stato soprattutto quanto fatto vedere da Rossi nella FP4. La sessione che prepara alla gara è stata disputata dal pesarese con la gomma hard posteriore, che sarà la scelta per la gara, ed il ritmo tenuto dal 46 è stato impressionante, tanto da renderlo uno dei candidati al podio e forse addirittura alla vittoria.
MARQUEZ AGITATO MA LA POLE NON GLI SFUGGE
Giornata tribolata quella del campione del mondo, vittima un errore di valutazione nel corso della FP3. Trovatosi estromesso dalla top ten negli ultimi minuti, Marquez è uscito per un ultimo tentativo allo scadere del turno ma è incappato in una scivolata, dovendo quindi passare dalla Q1. La sessione decisiva lo ha visto poi strappare la pole ad un Rossi quanto mai efficace mentre Dovizioso agguantava la prima fila a pochi secondi dal termine. La seconda fila è aperta da Maverick Vinales con la seconda delle Yamaha. Lo spagnolo dopo un buon tempo realizzato al primo tentativo è rientrato precipitosamente al box alla seconda uscita, per poi tornare in pista con una nuova gomma a tre minuti dalla fine. Il forcing finale non gli ha consentito di fare meglio del quarto tempo. Ad affiancarlo in seconda fila troviamo Crutchlow e Iannone, entrambi veloci e consistenti fin da ieri. Terza linea per Pedrosa, Zarco e Petrucci che oggi ha fatto meglio di Jack Miller, che apre la quarta fila col decimo tempo affiancato da Rins e Bautista.
PRONOSTICO INCERTO, INCOGNITA GOMME
Se alla vigilia, viste le caratteristiche del tracciato era scontato pronosticare Marquez e le Ducati naturali favoriti, le idee si sono un bel po’ confuse dopo le prove di questi giorni. Forse le gomme portate da Michelin, diverse rispetto a quelle utilizzate nei test di febbraio, hanno mischiato un po’ le carte creando qualche incertezza in più. Dovizioso nonostante le buone prestazioni non si sente favorito e anche Marquez non è apparso irresistibile come in altre occasioni. Di sicuro la Yamaha stavolta può essere della partita, ma trattandosi di una pista nuova per tutti molto dipenderà come sempre dalla scelta e dalla resa degli pneumatici in gara.
LORENZO OUT, PER LUI NIENTE GARA
Il maiorchino stamattina è apparso al box ma in borghese, vistosamente zoppicante e con una fasciatura al polso sinistro. I dolori dopo il tremendo volo di ieri si sono fatti sentire e Jorge ha deciso di rinunciare per evitare inutili rischi.
COSì AL VIA
1 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 326.2 1’30.088
2 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 325.8 1’30.099 0.011 / 0.011
3 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 328.4 1’30.227 0.139 / 0.128
4 25 Maverick VIÑALES SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 326.4 1’30.328 0.240 / 0.101
5 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 328.4 1’30.356 0.268 / 0.028
6 29 Andrea IANNONE ITA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 325.0 1’30.419 0.331 / 0.063
7 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 329.3 1’30.458 0.370 / 0.039
8 5 Johann ZARCO FRA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 325.8 1’30.471 0.383 / 0.013
9 9 Danilo PETRUCCI ITA Alma Pramac Racing Ducati 330.0 1’30.599 0.511 / 0.128
10 43 Jack MILLER AUS Alma Pramac Racing Ducati 323.0 1’30.660 0.572 / 0.061
11 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 323.1 1’30.738 0.650 / 0.078
12 19 Alvaro BAUTISTA SPA Angel Nieto Team Ducati 326.3 1’30.976 0.888 / 0.238
Alfonso Paduano