MotoGP, Marquez conquista la settima pole ad Austin

MotoGP-Marc-Marquez-GP-Austin-2019.jpg
Marc Marquez ha compiuto la prima parte del suo lavoro, visto che quella americana è una delle gare che il campione del mondo considera obbligatoriamente da vincere. Sei vittorie consecutive qui ad Austin con sei pole position che oggi sono diventate sette. Ad affiancarlo in prima fila Valentino Rossi e Cal Crutchlow, con le Ducati un pò in sofferenza.
CANCELLATE PER IL MALTEMPO TUTTE LE FP3
Una giornata senza dubbio da ricordare quella di oggi, con il meteo avverso che ha finito per condizionare sia la tappa olandese del mondiale Superbike che la trasferta americana della MotoGP. La pioggia caduta fin dal mattino sul circuito di Austin ha reso la pista impraticabile, costringendo la Direzione Gara a rimandare a più riprese l’inizio delle FP3 della Moto 3. Mano a mano che il ritardo si accumulava si decideva dapprima di ridurre le sessioni a soli venti minuti ciascuna per poi annullarle del tutto, subordinando l’orario d’inizio delle qualifiche all’evoluzione del meteo.
MARQUEZ IMPRESSIONANTE GIA’ IN FP4, MALE DOVIZIOSO
La FP4 della MotoGP partiva in assenza di pioggia ma con pista ancora umida, che verso la fine del turno tuttavia permetteva l’utilizzo degli pneumatici slick. Ed in queste condizioni come sempre Marquez faceva la differenza, adattandosi immediatamente e rifilando distacchi siderali a tutti gli avversari. La successiva tagliola della Q1 veniva superata da Lorenzo e Petrucci ma risultava fatale per Dovizioso, costretto domani ad una partenza in quinta fila. Il verdetto della Q2 era quello ampiamente previsto, con Marquez capace di spingersi fino a 2.03.787 pur con una pista ancora non perfetta. Ottima qualifica per Rossi che si piazzava secondo contenendo il distacco sotto i tre decimi. Il pesarese che ieri si diceva solo parzialmente soddisfatto oggi è stato sempre veloce con una M1 che pare davvero molto a posto. Terzo tempo e prima fila per Cal Crutchlow, a conferma dell’efficacia della Honda su questa pista. Quarto tempo per Jack Miller che si confermava il più veoce dei ducatisti e precedeva un incredibile Pol Espargaro capace di portare la bistrattata Ktm in seconda fila, chiusa da Vinales che è un pò mancato all’appello. Rins, Petrucci e Quartararo completano la terza linea dello schieramento con Morbidelli decimo che precede Lorenzo e Bagnaia.. Gara che si annuncia in salita per le Ducati che qui al momento non hanno confermato i progressi evidenziati in Argentina.
LA Q2 DELLA MOTOGP
1 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 338.3 2’03.787
2 46 Valentino ROSSI ITA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 328.8 2’04.060 0.273 / 0.273
3 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 338.9 2’04.147 0.360 / 0.087
4 43 Jack MILLER AUS Pramac Racing Ducati 336.7 2’04.416 0.629 / 0.269
5 44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM 331.8 2’04.472 0.685 / 0.056
6 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 324.9 2’04.489 0.702 / 0.017
7 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 325.5 2’04.534 0.747 / 0.045
8 9 Danilo PETRUCCI ITA Mission Winnow Ducati Ducati 331.6 2’04.696 0.909 / 0.162
9 20 Fabio QUARTARARO FRA Petronas Yamaha SRT Yamaha 323.7 2’04.941 1.154 / 0.245
10 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 322.0 2’05.278 1.491 / 0.337
11 99 Jorge LORENZO SPA Repsol Honda Team Honda 329.2 2’05.383 1.596 / 0.105
12 63 Francesco BAGNAIA ITA Pramac Racing Ducati 328.6 2’05.887 2.100 / 0.504
Alfonso Paduano