MotoGP, Marquez chiude al comando le libere a Valencia

Marc-Marquez-GP-Valencia.jpg
Dopo aver speso tante parole sul clima ideale di Valencia, eccoci smentiti da un venerdì da tregenda che pare sarà solo l’antipasto di un fine settimana di meteo pessimo. Un vero e proprio diluvio ha caratterizzato tutta la prima giornata di prove libere, con la Motogp interrotta dalla bandiera rossa in entrambe le sessioni. Il problema è sempre il solito, il ristagno di una grande quantità di acqua in alcuni tratti del circuito, soprattutto alla curva 12 e all’imbocco del rettilineo dei box con i relativi problemi di acquaplaning. Le previsioni che annunciavano una possibile tregua per domani sono di nuovo peggiorate, con pioggia battente data per certa fino a domenica, il che potrebbe anche creare problemi di quantità di gomme rain a disposizione.
MARQUEZ SVETTA IN FP1
Dopo una prima sessione della Moto3 svoltasi regolarmente pur con parecchie cadute, le Motogp entravano in pista nel diluvio ma dopo pochi minuti la direzione gara esponeva la bandiera rossa a causa delle condizioni impraticabili della pista. Uno stop di una ventina di minuti e la diminuzione della pioggia erano sufficienti a proseguire ed i tempi andavano calando nei minuti finali. quando Marquez piazzava un notevole 1.39.7 che gli garantiva la vetta della classifica dei tempi. Lo spagnolo confermava la sua straordinaria capacità di adattarsi subito ad ogni condizione ma la pista bagnata metteva le ali alle Ducati, con Miller e Petrucci a poco più di un decimo e Dovizioso appena dietro. Con la wild card Pirro all’ottavo posto erano ben quattro le rosse in top ten. La competitività della Honda al Ricardo Torno era confermata dal quinto posto di Pedrosa mentre la Suzuki confermava la sua validità anche sul bagnato con Iannone sesto e Rins decimo. Qualche problema per le Yamaha con il solo Vinales che grazie ad un buon giro nel finale riusciva a strappare il settimo tempo ed a garantirsi la provvisoria top ten. Rossi è apparso efficace in condizioni di pista molto bagnata e di patire quando l’asfalto va asciugandosi, mentre l’opposto pare succedere al compagno di squadra.
PETRUCCI AL COMANDO IN FP2 MA I TEMPI NON MIGLIORANO
Anche il turno del pomeriggio partiva in condizioni di pioggia battente e molta acqua in pista. tanto che dopo sei minuti una brutta caduta di Zarco, alla critica curva 12 obbligava ad una nuova bandiera rossa. Pochi minuti di stop e si riprendeva, i tempi inizialmente di oltre sei secondi peggiori rispetto alla FP1 iniziavano a scendere e qualche pilota, come Rossi, riusciva a migliorare la propria prestazione del mattino senza tuttavia entrare nelle prime dieci posizioni. Il miglior tempo finale era appannaggio di Petrucci in 1.41.3 davanti a Marquez e Rossi, ma di fatto la provvisoria top ten restava invariata. Vista la pioggia di nuovo aumentata verso la fine del turno diversi piloti, tra cui Dovizioso, sono rimasti al box anche per non sprecare inutilmente gomme. Viste le previsioni meteo che ora danno pioggia anche per la giornata di domani, la FP1 rischia di essere già decisiva per l’accesso alla Q2.
TOP TEN PROVVISORIA
1 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 1’39.767
2 Jack MILLER AUS Alma Pra / 0.106
3 Danilo PETRUCCI ITA Alma Pramac Racing Ducati 1’39.907 0.140 / 0.034
4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 1’40.179 0.412 / 0.272
5 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 1’40.467 0.700 / 0.288
6 Andrea IANNONE ITA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 1’40.685 0.918 / 0.218
7 Maverick VIÑALES SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 1’40.772 1.005 / 0.087
8 Michele PIRRO ITA Ducati Team Ducati 1’40.836 1.069 / 0.064
9 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM 1’40.892 1.125 / 0.056
10 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 1’40.965 1.198 / 0.073
Alfonso Paduano