MotoGP, Dovizioso e le Ducati dominano il Venerdì in Austria

Ducati-Andrea-Dovizioso.jpg
Le previsioni meteo davano pioggia e questa è puntualmente arrivata, risparmiando solo i turni di prova del mattino. Dopo qualche goccia durante la FP2 della Moto3, il diluvio si è scatenato proprio al via della sessione della Motogp, costringendo la direzione gara a posticipare il turno. Dopo l’interruzione e relativo sopralluogo del circuito da parte di Uncini e Capirossi, la sessione veniva riaperta ma la pista allagata in alcuni punti rendeva la FP2 ininfluente ai fini della graduatoria combinata dei tempi.
DOMINIO DUCATI, MA MARQUEZ INCOMBE
Il turno del mattino rischia di risultare decisivo anche ai fini dell’accesso diretto alla Q2 visto che le previsioni meteo danno pioggia per domattina e di nuovo tempo bello per domenica. E la FP1 si chiudeva nel segno della Ducati che si conferma perfetta interprete di questo tracciato del tutto atipico. Il Red Bull Ring, con tre grandi staccate e le ripartenze da bassa velocità richiede stabilità in frenata e grande trazione in accelerazione, proprio i punti di forza della rossa bolognese. Dovizioso e Lorenzo giravano con ottimo passo per tutto il turno con il forlivese capace di un 1.23.830 che gli valeva il miglior tempo assoluto con due decimi di margine su Jorge Lorenzo. A conferma della competitività delle Ducati il terzo tempo di Danilo Petrucci, staccato di mezzo secondo. Quarto crono per Marc Marquez come sempre più concentrato sulla preparazione della gara che sulla ricerca del tempo. Il campione del mondo precedeva la Suzuki di Iannone e le altre due RCV di Pedrosa e Crutchlow. Ottavo tempo per Tito Rabat davanti alle due Yamaha di Zarco e Vinales
YAMAHA IN DIFFICOLTA’, ROSSI FUORI DAI DIECI
Apriamo il capitolo dedicato alle moto di Iwata che confermano le proprie difficoltà su questa pista. La giornata è iniziata subito male per Rossi, fermato dopo pochi minuti dall’inizio del turno dalla rottura della corona. Inconveniente insolito verificatosi per di più alla curva 1, col pesarese che perdeva minuti preziosi nel tentativo di riportare la moto ai box. Difficoltà anche per Vinales che rientrando ai box continuava a manifestare la propria insoddisfazione. Viste le previsioni di pioggia per il turno del pomeriggio di oggi e per domani, nei minuti finali i piloti entravano in pista per il time attack e garantirsi l’accesso alla Q2 ed erano proprio Zarco e Vinales a relegare Rossi, rientrato in pista con la seconda moto, all’undicesimo posto. Il pesarese ha naturalmente ancora la FP3 di domani per migliorare, pioggia permettendo.
FP2 BAGNATA, SVETTA MARQUEZ
Come detto la FP2 del pomeriggio si disputava con pista bagnata e vedeva il miglior tempo finale di Marquez davanti a Redding, Petrucci, Lorenzo e Dovizioso. Vale a dire che le Ducati e Marquez sono favoriti con qualsiasi condizione meteo, mentre sul bagnato si amplificano i problemi della Yamaha con Rossi che chiudeva col decimo tempo, unica M1 nella top ten.
Alfonso Paduano