MotoGP, Dovizioso chiude in testa nelle prove del Venerdì al Red Bull Ring

44.jpg

In un venerdì in parte condizionato dalla variabilità del meteo, Andrea Dovizioso si conferma tra i favoriti ed al termine della prima giornata di prove precede Maverick Vinales e Dani Pedrosa. In ritardo Valentino Rossi e Danilo Petrucci che in caso di pioggia domattina nelle FP3 dovranno passare dalla tagliola delle Q1.

METEO INCERTO

La pioggia prevista al mattino ha risparmiato la prima sessione ed i piloti hanno potuto girare con pista asciutta. Al temine delle FP1 era il sorprendente Barbera a firmare il miglior tempo davanti a Dovizioso e Pedrosa. Come si prevedeva, ottimo risultato complessivo della Ducati che piazzava cinque moto nelle prime dieci posizioni. La pioggia iniziava a cadere durante la sessione mattutina della Moto2 ed al via del turno pomeridiano l’asfalto si presentava ancora umido in alcuni tratti.

GRANDE EQUILIBRIO

Dovevano quindi trascorrere una ventina di minuti prima che i piloti iniziassero a migliorare i tempi. Chi come Rossi era rimasto attardato nelle FP1 giocava la carta della gomma morbida e risaliva posizioni ma alla fine venivano confermati i valori emersi al mattino, con Dovizioso al comando davanti ad un convincente Vinales, tornato ad avere grande confidenza con la sua M1 e a Dani Pedrosa. Bene anche Jorge Lorenzo, che seppur meno veloce del compagno di squadra ha ben impressionato. Ambedue i piloti della Ducati hanno girato con la nuova carenatura e sembrano intenzionati ad usarla in gara domenica. Leggermente arretrato Marquez ma lo spagnolo ha preferito concentrarsi sul passo continuando a girare con gomme usate. .

ROSSI E PETRUCCI IN DIFFICOLTA’

Ancora un venerdì tribolato per Valentino Rossi, dodicesimo ed in difficoltà sia nel turno del mattino che in quello del pomeriggio, così come Danilo Petrucci, quattordicesimo. Nulla di nuovo per Andrea Iannone, sedicesimo, alle prese con le croniche difficoltà in staccata ed inserimento in curva della sua Suzuki su un tracciato dove stabilità e coerenza di assetto in frenata sono fondamentali.

QUINDICI PILOTI IN UN SECONDO

Difficile al momento capire se Ducati possa considerarsi la naturale favorita per la gara. Come sempre molto dipenderà dal meteo, con pioggia possibile per domenica. Di certo la rossa non può contare più sulla netta superiorità manifestata lo scorso anno, Le avversarie sono vicine ed in particolare la Honda che qui l’anno scorso soffriva pare aver fatto un grosso passo avanti. Stessa cosa per yamaha, anche se per ora Rossi manca all’appello. Domani è previsto asciutto ed in quel caso sarà la FP3 del mattino a decidere i dieci piloti che entreranno di diritto in Q2. Al momento, accederebbero Dovizioso, Vinales, Pedrosa, Zarco, Lorenzo, Marquez, Crutchlow, Aleix Espargaro, Redding e Barbera.

In Moto3, miglior tempo di Canet con Bastianini terzo e Fenati quarto migliri dei nostri, Da sottolineare il clamoroso settimo tempo della bravissima Maria Herrera. In Moto2, al comando c’è il nostro Franco Morbidelli che proprio a fine turno stacca il miglior tempo. Pasini chiude quarto e Bagnaia ottavo.

Alfonso Paduano 

 reazioni