EMERlab e Sicurezza, grande entusiasmo nel corso della prima giornata della manifestazione organizzata presso l’Autodromo Nazionale di Monza

111157.jpg

Due stelle del motorsport e una giornata intera di riprese in pista per creare un video che verrà proiettato nel nascituro Museo della Velocità all’Autodromo Nazionale Monza. E’ stato un giorno insolito per il circuito brianzolo perché in poche ore hanno sfrecciato sulle curve più famose d’Italia l’ex campione di Formula 1 e presidente di ACI Milano Ivan Capelli e lo storico biker Fabrizio Pirovano, campione italiano di SBK. In mattinata, l’ex pilota Ferrari si è messo al volante BodyPart (2)della safety car ufficiale dell’autodromo allestita con avveniristiche attrezzature di ripresa e ha percorso più volte il tracciato con tutta la sua grinta. Nel pomeriggio invece è arrivato il momento del motociclista lombardo. Seguito da una troupe, Pirovano (nella foto) ha girato la manopola del gas sull’asfalto di Monza permettendo, oltre alle riprese video, anche la registrazione del rombo del motore. Bocche cucite sul progetto finale che verrà mostrato solamente nel Museo della Velocità, uno spazio espositivo multimediale e sensoriale interno all’Autodromo Nazionale Monza che sarà inaugurato venerdì 19 giugno. Oggi è anche stato il primo giorno di EMERlab, la manifestazione dedicata al mondo della Protezione Civile e della Sicurezza che si terrà fino a domenica all’Autodromo Nazionale Monza. EMERlab non è un semplice evento ma un’occasione di confronto e di crescita dell’intero sistema di Protezione Civile dove istituzioni, professionisti del soccorso, mondo del volontariato, cittadini e fornitori di beni e servizi, saranno gli unici protagonisti. Un contenitore di eventi, convegni, esercitazioni e sessioni formative, un vero e proprio laboratorio di idee dove tutti questi aspetti convergeranno e troveranno sintesi. Due le conferenze che oggi hanno trovato posto nell’Hospitality Building dell’autodromo. La prima dal titolo “Il ruolo dei referenti operativi comunali” (in collaborazione con ANCI), durata cinque ore e mezza, ha registrato un’ottima partecipazione degli addetti ai lavori. La seconda, con un’affollata platea, ha riguardato l’importante argomento del dissesto idrogeologico e la gestione delle emergenze. Gli incontri proseguiranno domani con le due conferenze “Il modello europeo di Protezione Civile” e “Gli ingegneri nelle emergenze di Protezione Civile: analisi dei danni sismici sulle costruzioni”. Domenica invece spazio al tavolo tecnico “Food & Crisis” BodyPartper approfondire il rapporto tra i cambiamenti climatici e le crisi umanitarie ed ambientali. La manifestazione è rivolta anche alle famiglie con un occhio di riguardo per i bambini. Le associazioni di volontariato allestiranno infatti nel paddock dell’autodromo, un percorso educativo a tappe per riconoscere il rischio e affrontare l’emergenza oltre a un’area gioco dedicata ai più piccoli. I genitori dalle 10 alle 14 potranno invece assistere alla presentazione del decalogo sulla sicurezza domestica per gli impianti a gas e dalle 11.30 alle 15 al decalogo generale sulla sicurezza domestica degli impianti. I workshop e l’ingresso all’Autodromo Nazionale Monza sono gratuiti. Solidarietà e divertimento domenica con la 36esima manifestazione podistica Formula1 organizzata dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori. A partire dalle 8 del mattino, il circuito sarà invaso da centinaia di podisti che percorreranno la pista dell’Autodromo Nazionale Monza. Cinque i percorsi possibili dai 2,4 ai 5,5 chilometri adatti anche a camminatori saltuari. La musica di Discoradio inciterà i podisti mentre i bambini potranno divertirsi con trucchi, palloncini, macchine a pedali e un’area a loro dedicata. (Comunicato Stampa)