Bosch presenta il nuovo liquido freni ENV6, per i sistemi frenanti del futuro

587.jpg

I moderni sistemi frenanti stanno diventando sempre più potenti, mentre i tempi di reazione di ABS e ESP si stanno riducendo. Ciò richiede requisiti ancora più elevati per il liquido freni. Bosch con il suo nuovo liquido freno ENV6 è in grado di soddisfare 554già oggi le elevate prestazioni dei sistemi frenanti del futuro. Le alte prestazioni sono assicurate principalmente da una ridotta viscosità e da un maggiore punto di ebollizione a umido in confronto agli standard DOT attuali. L’elevato potere lubrificante del liquido Bosch ENV6 riduce al minimo sia la rumorosità sia l’usura dei sistemi ABS e ESP. Inoltre, ENV6 riduce la corrosione all’interno del sistema frenante. Le alte caratteristiche tecniche del nuovo liquido freno ENV6 consentono intervalli di manutenzione più lunghi. A differenza del liquido freno DOT4, il quale deve essere sostituito ogni due anni, ENV6 dispone di un intervallo di sostituzione di tre anni. Un altro vantaggio è la compatibilità con i liquidi freni di livello inferiore. Infatti, ENV6 può essere utilizzato per tutti i sistemi frenanti costruiti a partire dal 1990 che impiegano fluidi a base di poliglicoli. I sistemi che lavorano con liquidi freni LHM – a base di oli minerali –  o contenenti siliconi (DOT5) sono gli unici esclusi.

Per una maggiore sicurezza: minore viscosità e un elevato punto di ebollizione a umido
In larga misura i tempi di reazione ESP dipendono dalla viscosità del liquido freni: più basso è questo valore, minore è il tempo di reazione ESP. Con il nuovo liquido freni ENV6, la viscosità è stata in media migliorata del 9% rispetto alla bassa viscosità dei liquidi freni DOT4 – raggiungendo valori inferiori a 700 mm² / s. Altro elemento che contraddistingue il nuovo liquido è l’elevato punto di ebollizione a umido: più è altro questo valore, minore è il rischio che si formino bolle di vapore nel sistema frenante, la principale causa di malfunzionamento del sistema frenante. Il nuovo liquido freni Bosch ENV6 dispone di un avanzato punto di ebollizione a umido che raggiunge fino a 185°C. Pertanto ENV6, diminuendo la possibilità di creazione di sacche di vapore, assicura ai guidatori fino al 50% di sicurezza in più.  Entrambe queste caratteristiche migliorano la sicurezza e l’affidabilità dei sistemi frenanti. Altro elemento che contraddistingue il nuovo liquido freni ENV6 è il packaging di colore nero e di latta, che identifica gli alti standard di qualità del prodotto.

Sofisticati test presso il centro prove Bosch
Gli esperti del centro prove Bosch di Abstatt (Germania) hanno sottoposto il nuovo liquido freno ENV6 a numerose prove, verificando come questo liquido sia perfettamente adatto per i sistemi ABS e ESP di oggi e di domani. Sofisticate procedure di test con l’applicazione di alti livelli di pressione, consumo, generazione di rumori e elevate temperature, sono stati eseguiti per testare il nuovo fluido in condizioni estreme. Il risultato è che ENV6 soddisfa tutti gli standard attuali come DOT3, DOT4, DOT5.1, ISO Classe 6 e le esigenze di tutti i principali costruttori di veicoli. Con l’impiego dei nuovi sistemi di assistenza alla guida, i futuri sistemi di frenata necessiteranno sempre più di elevati requisiti ed il nuovo liquido freni ENV6 è in grado di soddisfarli già da oggi. Ulteriori vantaggi per le officine: il nuovo liquido freni Bosch non contiene sostanze pericolose, come specificato dal Decreto sulle sostanze pericolose.

(Redazione/Bosch Press)