ACI Sport, Italiano Velocità Montagna, Selva di Fasano, Gara : Simone Faggioli su tutti

1111151.jpg

Non sono andato a tutta, bisogna avere l’auto a posto per fare i record a Fasano. In questa gara stiamo cercando nuove mappature elettroniche per velocizzare il tempo della cambiata. Vincere è l’obiettivo e fa sempre piacere riuscirci, ma non è così facile come potrebbe sembrare“.

Simone Faggioli docet, al termine del primo impegno con i cronometri della Selva di Fasano. Il fuoriclasse fiorentino percorre i cinque mila e seicento metri del tracciato pugliese, sfiorando cordoli e rail, mandando in visibilio il pubblico. I rilievi intermedi certificano che è veloce nella prima parte più filante del tracciato ed un filo di meno nella seconda, ma il risultato non cambia: i cronometri si fermano sul tempo di 2’05″82 a soli 7 decimi dal record della gara, che già gli appartiene. Nella clasdifica assokuta di gara, alle sue spalle si pazzano i giovanissimi Domenico Scola e Miche Fattorini, in lotta perenne per il primato di campionato e di categoria E2 b, con le Osella PA 2000. Se per il ventenne calanrese tutto è andato per il meglio, l’umbro è rallentato da problemi con la frizione e di cambiata. Quarto tempo assoluto, in 2’13″45, è il responso cronometrico che realizza il fasanese Giovanni Sacco, al rientro in gara dopo sette anni di assenza ed all’esordio a bordo della Osella FA 30 Zytek, che gli permette di primeggiare in E2 M. Quinto crono assoluto per il catanese Domenico Cubeda, terzo di categoria E2B. Secondo tra le monoposto è l’eugubino Andrea Picchi, primo della classe 2000 con la Lola Dome Honda. Il sardo Omar Magliona svetta tra i proti CN, con la Osella PA21 S, che supera di tredici centesimi di secondo il potentino Achille Lombardi, più veloce al primo intermedio ma con qualche errore nel finale. terzo di Gruppo è l’esordiente Ivan Pezzolla, che ha messo a frutto l’esperienza acquisita con le corse nei Kart. (da acisportitalia.it)