43° Rally di San Marino: doppietta degli equipaggi ufficiali di Peugeot Italia (Andreucci-Andreussi) e (Tassone-Michi) e vittoria del campionato italiano rally junior

1111144.jpg

Paolo Andreucci in Podio.Andreucci02 (2)coppia con la friulana Anna Andreussi, su Peugeot 208 T16 R5, sono i vincitori del 43° San Marino Rally, gara organizzata da F.A.M.S., valida come quinta prova del Campionato Italiano Rally e quarta del Trofeo Rally Terra. Il toscano, al termine delle due giornate, ha ottenuto la vittoria finale davanti al romagnolo Simone Campedelli e Danilo Fappani, Peugeot 207 S2000 con un vantaggio di 26.9.Mentre al terzo posto assoluto ha chiuso il trevigiano Giandomenico Basso in coppia con Lorenzo Granai, con la Ford Fiesta R5 alimentata a gpl con un distacco di 1’25.6Quarto assoluto e quarta vittoria nel Trofeo Rally Terra per il veneto Mauro Trentin in coppia con Alice De Marco, Peugeot 207 Super 2000 che si è trovato campo libero dopo la squalifica del suo diretto avversario, il bresciano Luigi Ricci, Ford Fiesta R5, per problemi relativi alla punzonatura degli pneumatici. Ottima la prestazione del sammarinese Filippo Reggini, già protagonista nella giornata 2015-img-CIR-Rally_di_San_Marino-notizie-andreucci_30di ieri, con la Skoda Fabia S2000, che chiude quinto. Sesto alla gara di casa Daniele Ceccoli, Mitsubishi Lancer Evo IX. Settimo e ottavo si classificano i due specialisti della Terra il bresciano Pablo Biolghini con la Skoda Fabia S2000 e il trentino Luciano Cobbe con la Fiesta S2000. A chiudere la classifica dei primi dieci sono i due giovani del Campionato italiano Rally Junior Tassone e Panzani. Michele Tassone, insieme a Daniele Michi che hanno così portato la Peugeot 208 R2 alla vittoria del Campionato Italiano Rally Junior con un appuntamento d’anticipo. Mentre il toscano Luca Panzani si conferma navigato da Sara Baldacci, vincitori assoluti nel Trofeo Twingo R2 Top. Amaro il rally sanmarinese per il pilota di Este Nicolò Marchioro, anche lui su Peugeot 208 R2 che dopo un’ottima prima giornata di gara si è visto squalificato per i medesimi motivi del terraiolo Ricci.

Paolo Andreucci: “E’ stata una gara piena di insidie ma che abbiamo saputo affrontare nel migliore dei modi. La difficoltà più grande è stata la presenza costante di sassi lungo il percorso. Spesso mi sono trovato a dover fare dei veri e propri slalom per evitarli. Inoltre c’era molta polvere che riusciva ad infiltrarsi anche in auto. Al di là di queste problematiche comuni a tutti i piloti, durante l’assistenza del sabato i ragazzi della Racing Lions si sono accorti di una crepa nella scatola del cambio e lo hanno sostituito in tempo record. Sono stati bravissimi e rapidissimi come al solito. In seguito ho forato uno pneumatico, per fortuna in trasferimento, che ci ha comportato una penalità di 10 secondi in quanto per sostituirlo siamo arrivati con un minuto di ritardo alla partenza della prova speciale 7. Ma come dicevo siamo riusciti ad affrontare tutte queste insidie nei migliori dei modi e durante le prove sono riuscito a fare degli ottimi tempi, sulla ghiaia del rally San Marino le nostre Pirelli hanno avuto un grip incredibile e sono andato davvero forte. Un grande risultato per me e per tutta la squadra. Abbiamo fatto il nostro lavoro, ora possiamo andare qualche giorno in vacanza al mare!

Michele Tassone: “E’ un sogno! Ho sempre detto che i rally sono la mia passione ma che vorrei trasformarla un giorno nella mia professione. Vincere Podio.Tassone.02 (1)il titolo junior era il primo passo da fare per realizzare il mio sogno. Posso dire obiettivo raggiunto! Sono felicissimo e voglio ringraziare tutti i protagonisti che mi hanno aiutato a conquistare questo traguardo: il mio navigatore Daniele Michi, la squadra della Racing Lions con in primis Fabrizio Fabbri, Peugeot Italia che ha creduto in me ad inizio stagione, Pirelli e soprattutto la mia mitica 208 R2, sempre affidabile e veloce. Grazie, grazie a tutti! Ora festeggiamo!” 

Classifica Assoluta 43° San Marino Rally Finale: 1. Andreucci-Andreussi (Peugeot 208 T16 R5) in 1:37’45.6; 2.Campedelli-Fappani (Peugeot 207 S2000) a 26.9; 3. Basso-Granai (Ford Fiesta R5 Ldi) a 1’25.6; 4.Trentin-De Marco (Peugeot 207 S2000)a 2’51.2; 5. Reggini-Bizzocchi (Skoda Fabia S2000) a 2’53.9; 6. Ceccoli-Biondi (Mitusbishi Lancer Evo IX)a 6’00.9; 7.Biolghini-Castiglioni (Skoda Fabia S2000) a 6’31.8;8. Cobbe-Turco (Ford Fiesta S2000) a 7’38.3; 9.Tassone-Michi (Peugeot 208 R2) a 9’36.6;10.Panzani-Baldacci (Renault Twingo R2) a 10’54.0.

Classifica CIR Assoluto: Andreucci 59 punti; 2. Scandola 35; 3. Basso 32; 4. Chardonnet 28; 5. Albertini 18; 6. Perico 15; 7. Caldani e Baccega 10; 9. Tassone 9; 10. Ciavarella 6.

Classifica CIR Junior: 1.Tassone 72 punti; 2. Testa 51; 3. Panzani 31; 4. Marchioro 28; 5. Rossi 24.

Classifica CIR Costruttori: 1.Peugeot 63;2.Ford 54;3.Skoda 35; Renault 15.

Classifica Trofeo Rally Terra: 1. Trentin 60; 2. Ricci 34; 3. Cobbe 32; 4. Biolghini 30; 5. Manfrinato 21.

Classifica Costruttori Produzione: Renault 60.