Scuderia Ferrari, segnali di crescita per il 2018

Scuderia-Ferrari.jpg

 Il pranzo natalizio della Gestione Sportiva con i rappresentanti dei media è un’occasione per farsi gli auguri, dopo un anno vissuto assieme sui circuiti. Ma è anche l’opportunità per rivedere i momenti salienti di una stagione ricca di avvenimenti.

Considerando da dove siamo partiti l’anno scorso – è il bilancio del presidente Sergio Marchionne – in questa stagione abbiamo fatto passi da gigante. Detto questo, la seconda metà del 2017 è stata una di quelle che formano il carattere. Abbiamo imparato molto negli ultimi sei mesi, cerchiamo di andare avanti. La cosa importante è questa. Da quando abbiamo ribaltato la struttura, nell’agosto dell’anno scorso, avevo una fiducia totale sul fatto che questi ragazzi, con Maurizio Arrivabene  come team principal e Mattia Binotto alla direzione tecnica, avrebbero fatto qualcosa di straordinario. Siamo totalmente convinti che potevamo fare molto di più: avevamo aspettative che non siamo riusciti a concludere nel 2017. Questo ha portato anche a dei cambiamenti alla struttura della Gestione Sportiva. Già vediamo dei segnali di cambiamento importanti per quanto riguarda la capacità produttiva della squadra. La cosa importante è partire dal 2018 con tutto questo bagaglio di esperienze e gestire questa struttura. Non ho dubbi sul fatto che saremo competitivi”.

Il discorso si estende, naturalmente, ai piloti: “Sebastian Vettel è un ragazzo che studia molto, studia se stesso e si impegna, quindi credo che nel 2018 la parte più emotiva non la vedremo. Credo abbia imparato abbastanza. Poi, le occasioni per incavolarsi non è che gli siano mancate, ha avuto un paio di stagioni, sia quest’anno che l’anno prima, piuttosto difficili. Io continuo a dire che noi abbiamo un obbligo verso questi piloti, di dar loro delle macchine capaci di gareggiare con le altre. Nel 2017 credo che gli abbiamo dato una gran macchina e quindi, d’ora in poi, la responsabilità è sua. Quanto a Kimi Raikkonen, io credo sia una grandissima persona, con un grandissimo talento. Non ho mai dubitato delle sue capacità. È un grande, ve lo dico. Altrimenti non avrebbe fatto la pole position su una pista come Montecarlo. Io credo che Maurizio abbia fatto un grandissimo lavoro con i piloti, e non è un lavoro facile”.

Appuntamento al 22 febbraio, quando verrà svelata la monoposto per il mondiale 2018. Nel frattempo, buone feste a tutti.

(Redazione)